Quando la Merkel rifiutò la telefonata a Biden (WSJ)

Quando la Merkel rifiutò la telefonata a Biden (WSJ)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Appena insediatosi alla Casa Bianca, il presidente statunitense Joe Biden - secondo quanto riporta il Wall Street Journal - aveva deciso simbolicamente di effettuare la prima chiamata da nuovo inquilino della Casa Bianca alla tedesca Angela Merkel. La dirigente tedesca però rifiutò la telefonata e Biden dovette ripiegare sul primo ministro canadese Justin Trudeau.

Scrive il quotidiano statunitense: “Dopo essersi trasferito alla Casa Bianca, Biden ha deciso che la sua prima chiamata a un leader straniero sarebbe stata ad Angela Merkel, segnalando un ritorno alla stabilità transatlantica dopo l'era Trump. Ma la cancelliera tedesca ha rifiutato l'offerta di una chiamata quel venerdì pomeriggio ‘perché doveva partire per il suo cottage di campagna vicino a Berlino’. La Merkel ha respinto i gesti simbolici da parte degli Stati Uniti come inappropriati e ha chiesto ai suoi aiutanti di organizzare un altro incontro. Di conseguenza, la conversazione ha avuto luogo lunedì, e la prima persona che Biden ha chiamato è stato il primo ministro canadese Justin Trudeau”. 

I rapporti tra Merkel e Washington

Il fatto che Angela Merkel abbia preferito sottrarsi alla telefonata di Biden conferma che i rapporti con Washington non sono più tornati sereni dopo la tumultuosa, per i vassalli europei, presidenza Trump. 

La Merkel inizialmente era una forte sostenitrice di una stretta relazione transatlantica. Come esponente dell'opposizione, aveva anche sostenuto la guerra in Iraq decisa dal presidente degli Stati Uniti George W. Bush, nonostante la stragrande maggioranza della popolazione tedesca espresse all’epoca forte contrarietà.

Poi però i rapporti si raffreddano durante il suo mandato, quando sotto Bush e il suo successore Barack Obama gli Stati Uniti iniziano a orientarsi sempre di più verso l’Asia. 

Nel 2013 emerge che, sotto la presidenza Obama che pur aveva descritto Merkel come il partner più importante degli Stati Uniti in politica estera, i servizi segreti statunitensi avevano spiato la cancelliera per anni. Merkel commentò indignata: "Spiarsi tra amici, è inaccettabile”. 

Alla Casa Bianca arriva poi Donald Trump con il suo slogan “America First” e tanti saluti al cosiddetto multilateralismo. Riguardo il nuovo corso degli Stati Uniti, la Merkel si esprime con disappunto nel 2017: “"I tempi in cui potevamo fare affidamento sugli altri sono in una certa misura finiti".

Altri punti di frizione con gli Stati Uniti sono stati la strategia in Afghanistan, dove Washington ha spiazzato tutti gli alleati con questa ritirata affrettata, quasi una fuga. Poi il gasdotto Nord Stream che porterà gas russo direttamente in Germania. Gli Stati Uniti si sono opposti al progetto, hanno pure imposto sanzioni, ma alla fine non sono riusciti a impedire che l’opera infrastrutturale fosse portata a termine. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti