Qual è il significato della visita del Ministro degli Esteri cinese in Siria?

 Qual è il significato della visita del Ministro degli Esteri cinese in Siria?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Tom Fowdy*

La recente visita del ministro degli esteri cinese a Damasco come primo ospite straniero da quando il presidente Bashar Assad ha prestato giuramento per un secondo[quarto NFT] mandato di sette anni è significativa e segnala un cambiamento che infastidirà Washington e Londra.

Nel fine settimana il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha visitato la Siria durante un viaggio in Medio Oriente e ha incontrato il presidente Bashar Assad. 

Yang è noto per la sua diplomazia altamente proattiva, che spesso si precipita in più regioni del mondo per incontrare i suoi omologhi, ma questa particolare visita è stata particolarmente degna di nota per una serie di motivi. 

Prima di tutto, è stata la prima visita cinese di alto livello in Siria dall'inizio della guerra civile.

Il caos che lacerava il paese e gli sforzi verso il regime change da parte dell'Occidente lo hanno reso insostenibile per molti anni. 

Alla luce di ciò, ciò che ha reso più notevole la seconda nota è che Wang ha partecipato il giorno in cui Assad ha prestato giuramento per un nuovo mandato come presidente, dopo le elezioni di maggio. 

Questa è una grande approvazione, per usare un eufemismo. Il tempismo e il simbolismo della visita sono stati progettati per conferire legittimità a lui come presidente della Siria, cosa che Pechino non ha mai fatto prima.

 Dopo la visita, la Cina ha evidenziato gli impegni riguardanti Pechino e Damasco, ancora una volta, qualcosa che non aveva fatto prima. 

La Cina si è impegnata a sostenere l'integrità territoriale e la sovranità nazionale della Siria, ha affermato la sua opposizione al regime change all'intervento straniero, si è opposta alle sanzioni e si è anche impegnata come partner economico invitando il paese arabo ad aderire alla Belt and Road Initiative.

In cambio, Assad ha dato il suo sostegno “ incondizionato ” alla Cina su Hong Kong, Xinjiang e Taiwan.

Quello che è successo a Damasco è probabilmente retorico; si vede che non promette nulla in anticipo, nemmeno un centesimo di investimento. Ma è significativo e ha sostanza in quanto segna una drammatica escalation delle relazioni di Pechino con la Siria nel mezzo delle polemiche e degli assalti che Assad ha subito dall'Occidente nell'ultimo decennio.

Anche se questo non è in realtà un cambiamento nella posizione della Cina o nei principi diplomatici, è un passaggio dall'essere un attore di cortile sulla questione siriana a essere uno in prima linea, allontanandosi da un precedente approccio di stare attenti a non aggravare l'Occidente come la guerra lì si svolse. 

Ora, la Cina si mette al posto di guida e sta espandendo il suo punto d'appoggio diplomatico in tutto il Medio Oriente. Ciò include il recente rafforzamento della Cina nelle sue relazioni con l'Iran, incluso un impegno di investimento di circa 400 miliardi di sterline. 

Assad, finora, non ha ricevuto tale promessa. Tuttavia, per Damasco e il Partito Baath, questo è ancora un sostegno politico che rafforza la loro mano dopo aver affrontato il peso delle sanzioni e dell'isolamento politico degli Stati Uniti e dei loro alleati. 

Perché sta accadendo ora? Di tutti i paesi con cui la Cina può rafforzare le sue relazioni, i vantaggi di abbracciare la Siria sembrano bassi e i rischi sono alti. È una mossa che riflette un contesto geopolitico in mutamento, dimostrando come l'atteggiamento strategico di Pechino nei confronti dell'Occidente stia cambiando e si stia inasprendo. La Cina è meno disposta a continuare a “ pacificare ” questi paesi. 

Sebbene Pechino abbia sempre sostenuto in silenzio gli stati disprezzati dall'Occidente sulla premessa della non interferenza, in passato è stata anche pronta a gettarli sotto l'autobus per mantenere i suoi legami con le potenze occidentali. 

Ma il mondo di oggi è diverso e gli Stati Uniti spingono sempre più i propri alleati a prendere di mira la Cina a livello strategico. 

Di conseguenza, Pechino è ora meno disposta a "placare" questi paesi ed è pronta a "coprirsi" contro la loro agenda dando attivamente potere ai paesi che non piacciono alle potenze occidentali e raddoppiando i legami con loro. La Cina non è mai stata anti-Assad, ma per la maggior parte della guerra civile Pechino ha seguito un “ basso laico approccio” e tranquillamente seguito l'esempio di Mosca, non picchettare la propria agenda in materia in gran parte nella contemplazione delle priorità americane.

Ma ora la Cina non deve tale rispetto agli Stati Uniti; I crescenti sforzi di Washington per cercare di isolare Pechino attraverso una varietà di mezzi e perseguire la competizione geopolitica hanno infine posto fine a questa epoca. 

Eppure questo cambiamento non riguarda solo l'Occidente; c'è anche un elemento regionale in merito al Medio Oriente. La mossa della Cina per rafforzare i legami con Assad le conferisce una leva strategica, dandogli i denti nel modo in cui tratta con altre potenze nella regione. 

Ad esempio, il vicino Israele ha recentemente espresso maggiore entusiasmo nell'unirsi al campo statunitense contro Pechino. La Cina non mira a fare di Tel Aviv un nemico, quindi come negozia con loro? La risposta: avendo più di un paletto sul terreno e usando Assad come merce di scambio. Pechino continua soprattutto ad avere un atteggiamento di “parla a tutte le parti” nella regione, anche se ingrandisce Assad. 

La Cina ha anche relazioni sane con l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti. Supera le rivalità regionali per cercare di essere un " amico di tutti " - ma avrà più successo nel convincere questi stati a seguire la sua volontà se è esso stesso uno stakeholder, e questo è ciò che sta facendo qui.

Ma oltre a rafforzare i legami, la Cina aiuterà davvero a ricostruire la Siria, una nazione decimata dalla guerra? Questo è incerto e, per il momento, improbabile. 

La Siria resta una destinazione ad altissimo rischio. La sua guerra non è finita nel senso convenzionale. Mentre Assad ha riconquistato il nucleo del paese, deve ancora affrontare sacche di ribelli nel nord, tensioni con la Turchia e Israele, e metà del suo paese è occupato illegalmente da centinaia di truppe statunitensi che sostengono migliaia di forze curde. È volatile. 

Ciò significa che la possibilità di costruire infrastrutture nel paese è limitata e che la Cina non verserà miliardi in una zona di guerra di fatto. Il vulcano pur avendo smesso di eruttare da tempo, è ancora bollente. In questo caso, la visita di Wang Yi è stata ricca di simbolismo diplomatico ma povera di sostanza reale. 

La Cina potrebbe essere pronta a offrire a Damasco alcuni segni di aiuto, ma per la maggior parte si tratta di un messaggio diplomatico che provoca increspature nelle capitali mediorientali e occidentali. È un viaggio sufficiente per infastidire l'Occidente e frustrare la sua agenda, e dimostra l'espansione dell'impronta cinese, ma non aspettatevi che Pechino lanci ancora un altro progetto in stile corridoio economico Cina-Pakistan per la Siria.

*Scrittore e analista britannico di politica e relazioni internazionali con un focus primario sull'Asia orientale.

 

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti