Putin: Alcuni paesi sono scioccati dal conflitto in Ucraina, ma non dal colpo di stato del 2014 o dai massacri in Palestina

Putin: Alcuni paesi sono scioccati dal conflitto in Ucraina, ma non dal colpo di stato del 2014 o dai massacri in Palestina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi al vertice del G20, partecipando da remoto, il Presidente russo Vladimir Putin ha denunciato che ci sono paesi che si scandalizzano per la guerra in Ucraina, ignorando il golpe del 2014 e il massacro che si sta compiendo dal 7 ottobre scorso ai danni dei palestinesi a Gaza.

Putin ha posto, a tal proposito, una serie di domande: "La perdita di vite umane non può che scioccare, ma il sanguinoso colpo di stato in Ucraina nel 2014, seguito dalla guerra del regime di Kiev contro il suo stesso popolo nel Donbass, non è scioccante? E lo sterminio dei civili in Palestina […], non è scioccante? E il fatto che i medici debbano operare sui bambini, operare con il bisturi sul corpo di minorenni senza anestesia, non è scioccante?"

Inoltre, ha ricordato che nemmeno hanno scioccato le dichiarazioni del Segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, il quale nei giorni ha lamentato che la Striscia di Gaza è diventata "un enorme cimitero di bambini".

Il leader russo riconoscendo che "le ostilità sono sempre una tragedia", allo stesso tempo ha posto il problema su come "pensare a fermare questa tragedia".

Sul conflitto con l’Ucraina, Putin ha precisato che la Russia “non si è mai rifiutata di avviare colloqui di pace”, Ribadendo: "Non è stata la Russia, ma l'Ucraina ad annunciare pubblicamente che si sarebbe ritirata dal processo negoziale e, inoltre, il capo di stato [ucraino] ha firmato un decreto che vieta tali negoziati".

"Lo stress colossale subito dall'economia mondiale"

Un altro aspetto è stato considerato dal presidente russo durante il suo intervento: “lo stress colossale di cui soffre l'economia mondiale è una conseguenza diretta delle politiche macroeconomiche sconsiderate di alcuni Stati".

Tra l’altro ha spiegato che "l'iniezione di trilioni di dollari ed euro nell'economia, nel sistema bancario, ha senza dubbio causato un picco dell'inflazione globale, facendo salire alle stelle i prezzi dei prodotti alimentari e dell'energia [...] Non sono le nostre azioni né i nostri tentativi di fare giustizia in Ucraina. No. Sono le azioni delle principali economie del mondo".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti