Primo Maggio. E' il tempo della lotta e della ribellione (come in Francia)

Primo Maggio. E' il tempo della lotta e della ribellione (come in Francia)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Se le segreterie di CGILCISLUIL avessero un minimo di dignità si sarebbero comportate come i sindacati francesi, mandando a quel paese l’incontro finto con Meloni che legge il comunicato sulle decisioni già prese dal governo.
 
Invece questo Primo Maggio sentiremo ancora di più a nostro danno la differenza con la Francia. Dove milioni di lavoratori saranno in piazza contro Macron, mentre da noi tutto il regime celebrerà il noiosissimo concertone.
 
Ma questa per fortuna non è tutta la realtà. Per tante e tanti anche da noi questo Primo Maggio sarà autenticamente di lotta.
 
Da Bergamo con i facchini di Italtrans, a Vicenza contro la guerra e l’invio di armi, a Milano a Firenze a Taranto a Torino. In tante piazze d’Italia minoranze sindacali e politiche che non se la bevono esprimeranno la giusta rabbia del lavoro. Anche quella della maggioranza di lavoratrici e lavoratori che è ancora passiva e rassegnata, anche se non ne può più.
 
La Francia insegna quello che si deve fare, bisogna arrivare a quella ribellione. Non sarà facile e bisognerà scontrarsi con tutto il palazzo, compreso quello del centrosinistra e dei sindacati confederali, ma quella è la sola via.
 
La sola via dopo trent’anni di guerra di classe di padroni e governi contro i salari e i diritti dei lavoratori. L’Italia è il solo paese occidentale dove le retribuzioni hanno un segno meno rispetto a trent’anni fa. I diritti dei lavoratori sono stati soppressi e abbiamo la peggiore legge pensionistica d’Europa.
 
Ora il governo neofascista di Giorgia Meloni si appresta a rendere ancora più ingiusto e feroce tutto questo con il suo Decreto Schiavismo , che ha il solo scopo di costringere le persone a lavorare per tre euro all’ora, pena la fame.
 
Non è più il tempo dei pianti e delle parole, ma dell’agire contro.

ACQUISTA 50 ANNI DI GUERRA AL SALARIO



E non ci vengano a dire che non abbiamo proposte. Certo che le abbiamo.
 
Dal reddito al salario minimo, dalla riduzione d’orario alla redistribuzione della ricchezza, dall’intervento pubblico nell’economia alla fine della privatizzazione dei servizi pubblici e sociali, dal risanamento dell’ambiente al taglio delle spese militari.
 
Noi di proposte ne abbiamo una montagna, ma il palazzo e tutti i suoi servi fanno finta di non sentire, perché il loro scopo è solo uno: accrescere i privilegi e la ricchezza dell’1% che sta in cima alla piramide dello sfruttamento.
 
Per questo è solo il tempo della lotta e della ribellione, esse sono il solo vero investimento per il futuro.
 
Buon Primo Maggio compagne e compagni e ricordiamo assieme un principio proletario valido più che mai: a salario di merda lavoro di merda.
 
E soprattutto lavoro in lotta.


Giorgio Cremaschi

Giorgio Cremaschi

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti