"Perché vado in Arabia Saudita?": Biden spiega i motivi della sua controversa visita

"Perché vado in Arabia Saudita?": Biden spiega i motivi della sua controversa visita

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha affermato in un’editoriale sul Washington Post che la prossima settimana si recherà in Medio Oriente con l'obiettivo di "contrastare l'aggressione russa" , "vincere" la Cina e raggiungere "una maggiore stabilità nella regione".

Delirio totale, se non ci avesse deliziato con le sue ultime performance, lo si potrebbe prendere sul serio.

"Come presidente, il mio compito è mantenere il nostro Paese forte e sicuro", ha ribadito. "Dobbiamo contrastare l'aggressione russa, metterci nella migliore posizione possibile per superare la Cina e lavorare per una maggiore stabilità in una regione del mondo di grande importanza. Per fare queste cose, dobbiamo impegnarci direttamente con paesi che possono influenzare quei risultati".

In quello che sarà il suo primo viaggio nella regione da quando è entrato in carica, Biden visiterà Israele, la Cisgiordania e anche l'Arabia Saudita, dove parteciperà a un vertice del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC)+3, in cui i leader sauditi, quelli di Kuwait, Oman, Emirati Arabi Uniti, Bahrain e Qatar, più quelli di Iraq, Giordania ed Egitto.

Un passaggio è emblematico delle intenzioni di Washington che vanno al di là di chi sia il Presidente: "Questo viaggio arriva in un momento vitale per la regione e farà avanzare importanti interessi americani. Un Medio Oriente più sicuro e integrato avvantaggia gli americani in molti modi", riferendosi ai suoi corsi d'acqua, che sono "essenziali" per il mondo il commercio, così come le sue risorse energetiche, "vitali" per mitigare l'impatto del conflitto ucraino sulle forniture mondiali.

Nella città saudita di Jeddah, dove si recherà dal 15 al 16 luglio, Biden terrà anche un incontro bilaterale con il monarca del Paese arabo, Salmán bin Abdulaziz, a cui parteciperà anche il principe ereditario Mohamed bin Salmán, la cui relazione con l'inquilino della Casa Bianca è tesa per il presunto coinvolgimento del principe saudita nell'omicidio del giornalista dell'opposizione Jamal Khashoggi.

Ricordiamo che quando era ancora candidato alla presidenza, Biden promise di fare dell'Arabia Saudita un "paria" sulla scena internazionale, oltre a denunciare le violazioni dei diritti umani in quel Paese. Tuttavia, ora, con la crisi interna dei prezzi e dell'inflazione, sembra allontanarsi dalla sua promessa elettorale.

"So che molti non sono d'accordo con la mia decisione di viaggiare in Arabia Saudita. Le mie posizioni sui diritti umani sono chiare e di lunga data e le libertà fondamentali sono sempre all'ordine del giorno quando viaggio, e lo saranno durante questo viaggio". Nella pubblicazione, l’inquilino della Casa Bianca ha aggiunto che con questa visita intende "rafforzare" un'alleanza strategica con il Paese arabo che "si basa su interessi e responsabilità reciproci pur rimanendo fedele ai valori fondamentali degli Stati Uniti".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti