Perché il colombiano Duque attacca il dialogo tra governo e opposizione del Venezuela?

Perché il colombiano Duque attacca il dialogo tra governo e opposizione del Venezuela?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Costringere l’opposizione più estremista e golpista al dialogo e la trattativa sconfessando così la linea portata avanti da anni è stata una grande vittoria per il governo bolivariano. I primi risultati già sono arrivati con le parti che hanno firmato i primi accordi. Ma forse la vittoria più importante è quella implicita, sedendosi a qual tavolo l’opposizione ha ammesso la legittimità del governo guidato da Maduro, l’unico esistente in Venezuela, ponendo fine alla farsa Guaidò. Questa circostanza ha provocato più di un malumore in certi circoli stranieri che avevano puntato tutto sulla destabilizzazione del Venezuela. 

A tal proposito il presidente colombiano Duque è tornato alla carica definendo il governo venezuelano una «dittatura» e affermando che «qualunque accordo» che consolidi il chavismo potrebbe scatenare una «tragedia continentale». 

«Qualsiasi accordo che consolidi la dittatura sarà una tragedia continentale che promuoverà solo esodo e miseria», afferma il presidente colombiano in riferimento al processo negoziale che il governo venezuelano ha intrapreso con l'opposizione estremista. 

Per Duque, che d'altra parte insiste nel definire la fazione golpista di Guaidó come «governo ad interim», l'unico modo per raggiungere il «benessere» dei venezuelani è l'uscita dal chavismo «attraverso un'elezione presidenziale il prima possibile».

Le risposte dal Venezuela alla grossolana interferenza di Duque non si sono fatte attendere: il ministro della Difesa di Caracas, Vladimir Padrino punta il dito contro il presidente colombiano e le sue connessione col mondo del narcotraffico. «A cosa sta giocando Duque? Gli interessa realmente la pace in Venezuela? La sua vera preoccupazione come legittimo rappresentante dell'oligarchia del narcotraffico colombiano è impedire il consolidamento della pace in Venezuela». 

In questo senso, Vladimir Padrino López ha sottolineato che «il nostro problema, che è di natura politica, si risolverà prima o poi scommettendo sul dialogo e sul negoziato. Un fatto che è stato interrotto in tutti questi anni grazie alla pianificazione persistente e meccanica di omicidi, incursioni mercenarie», riferendosi alla partecipazione diretta che il governo della Colombia ha avuto in questo tipo di azioni, nel tentativo di promuovere la violenza contro la democrazia in Venezuela.

Infine, il ministro della Difesa ha sottolineato che «la sua vera preoccupazione è che una volta concluso il fruttuoso dialogo a cui aspirano i veri democratici, gli Stati Uniti mettano di nuovo sotto la lente di ingrandimento la questione del narcotraffico, che è l'origine di tutti i mali, a livello continentale e planetario».

«Dalla Colombia si è cercato di dare ordini, dal palazzo presidenziale ai membri della delegazione in Messico perché interrompessero le trattative», così il presidente Maduro ha condannato le manovre di Ivan Duque. Evocando lo spettro dell’ultimo tentativo di dialogo naufragato perché le forze estremiste dell’opposizione venezuelana abbandonarono il tavolo su ordine di Washington. 

«Iván Duque è disperato, pazzo, isolato e sconfitto», ha detto il presidente venezuelano a proposito del «presidente della Colombia, che non può governare (il suo Paese), che gli è sfuggito di mano: massacri ogni settimana, centinaia di uccisi, decine di desaparecidos e morti. Il presidente di uno Stato fuorilegge, perduto, ingovernabile, cerca di dare ordini affinché il dialogo in Venezuela fallisca».

Quello di Duque è un tentativo di sabotaggio: «Ho le prove in mano. So cosa sto dicendo. Nelle prossime ore mostreremo prove affidabili di come l'oligarchia del narcotraffico che governa la Colombia, guidata da Iván Duque, intenda sabotare i negoziati in Messico».  

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli