Pedro Castillo, l'harakiri e il golpe preannunciato

Pedro Castillo, l'harakiri e il golpe preannunciato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Bárbara Ester - Zoom

L'inizio della crisi politica peruviana risale al 2016, da quando si sono succeduti sei presidenti e tre parlamenti. La crisi politica aveva diversi aspetti: istituzionali, sociali e poi di governo. La giudiziarizzazione della politica ha raggiunto livelli elevati quando tutti i presidenti eletti dal ritorno alla democrazia (Alejandro Toledo, Alan García, Ollanta Humala, Pedro Kuczynski e Martín Vizcarra) sono finiti sotto processo in tempi record. Le figure della custodia cautelare e del collaboratore effettivo (denuncia premiata) sono state la chiave delle accuse dei pubblici ministeri. Dal 2020, a questo panorama si sono aggiunti la pandemia e i duecentomila decessi che hanno reso evidente la mercificazione della salute dopo trent'anni di neoliberismo. Questo è il contesto dell'emergenza di Castillo.

Per l'esecutivo, l'assedio è iniziato prima di vincere le elezioni. La campagna di paura nei suoi confronti nel ballottaggio contro Keiko Fujimori allertava sulla minaccia del "comunismo". Non esageriamo, anche se Castillo è arrivato alla presidenza attraverso Perú Libre (un partito autoproclamato marxista-leninista), lo ha fatto come invitato dopo che Vladimir Cerrón è stato estromesso da un caso giudiziario che gli ha impedito di essere candidato e per il quale è stato assolto dopo le elezioni presidenziali. È stata questa minaccia infondata che è riuscita a ricucire l'alleanza tra le élite di destra, divise moralmente tra fujimoristi e anti-fujimoristi per vent'anni. L'esempio più emblematico è stato il posizionamento di Mario Vargas Llosa, che ha appoggiato con rammarico la candidatura di Humala nel 2011 ed è stato felice di sostenere quella di Pedro Kuczynski nel 2016 contro Keiko Fujimori, ma per la prima volta ha sostenuto la figlia del suo storico avversario politico contro Pedro Castillo.

Chiunque abbia seguito la situazione politica dalle elezioni del 2021 sa che il ruolo ostruzionista è stato permanente e contrario al voto popolare. In un anno e mezzo, la rotazione dei membri del Gabinetto è stata il risultato di successive mozioni di censura e interpellanze che hanno espulso o vessato i ministri. Nessun presidente in democrazia è mai stato vittima di così tanti tentativi di colpo di Stato (tre mozioni di vacanza per incapacità morale permanente), due denunce costituzionali per la sua inabilitazione, sei procedimenti giudiziari (uno per organizzazione criminale) e accuse irrisorie come il plagio della sua tesi di laurea. Ecco perché considerare mezz'ora di sospensione delle garanzie costituzionali a fronte di un anno e mezzo di dittatura parlamentare distorce i fatti facendo apparire i carnefici come vittime. Questo modo di operare attraverso l'ostruzionismo sistematico è stato avvertito dall'OSA, dopo che Castillo ha chiesto aiuto di fronte a un tentativo di colpo di Stato contro di lui con una nuova modalità: Media + Procura + Congresso.

Due parole, terruqueo e choleo, sono necessarie per comprendere l'immaginario politico razzista e classista che viene brandito contro il presidente e il suo gabinetto. Terruquear una persona significa accusarla di avere legami o vincoli con i membri insorti della lotta armata, fondamentalmente la provincia, che è stata il principale teatro del conflitto negli anni Ottanta. D'altra parte, il verbo cholear è un'espressione di maltrattamento basata sul colore della pelle dell'altro. Il "cholo" è, in breve, ciò che il potere coloniale considerava meticcio: una degradante ibridazione di "razze". Il cholo è anche il soggetto politico di cui sognano Haya de la Torre e Mariátegui, a metà strada tra il rurale e l'urbano e tra l'immaginario indigeno e quello criollo. Durante i primi sei mesi, l'artiglieria mediatica ha costruito una narrazione di "el profe", insistendo sul fatto che fosse un "Presibruto" per il suo modo di parlare. Il governo di Pedro Castillo è stato il primo a tenere un discorso di apertura in lingua quechua davanti al Congresso. All'epoca si celebrava il bicentenario e la risposta della Presidente del Congresso, Maricarmen Alva - bianca, nata a Lima e illuminata - fu la stessa che aveva avuto negli ultimi due secoli: "zitto".

Nel suo breve mandato, il governo di Castillo ha promosso il recupero di Petroperú - l'unica compagnia petrolifera di bandiera - attraverso l'attivazione della raffineria di Talara. Tutto questo è stato oscurato da sospetti e accuse di corruzione nei confronti dei funzionari nominati. Il governo ha inoltre attuato un modello redistributivo non solo in termini di salari, dal momento che oltre il 70% della popolazione è informale, ma anche con la distribuzione federale degli investimenti in opere pubbliche dal centro alle periferie provinciali e con un'innovazione istituzionale: un gabinetto decentrato che ha avvicinato l'esecutivo ai governatori regionali senza intermediari e nel loro stesso territorio.

Per quanto riguarda il ruolo dei media, Castillo è l'unico presidente a cui un'intervista sulla stampa internazionale sarebbe valsa un'accusa costituzionale di tradimento quando ha fatto riferimento all'accesso della Bolivia al mare. In seguito ha deciso di non rilasciare più interviste alla stampa locale, che ha iniziato a contare i giorni in cui non rispondeva. A un anno dall'inizio del suo mandato, Castillo ha annunciato una nuova distribuzione del budget pubblicitario per assegnare maggiori risorse ai media regionali rispetto ai grandi conglomerati multimediali. Ciò è stato considerato una "minaccia alla libertà di stampa" in un Paese in cui il Gruppo El Comercio concentra da solo l'80% della stampa e dei canali televisivi. L'esistenza di una concentrazione monopolistica dei media in Perù è una delle conclusioni del rapporto preliminare dell'OSA.

Il lawfare contro Castillo ha iniziato a prendere forma, inizialmente, contro Perú Libre. La stampa ha definito "i dinamici del centro" i membri di Perú Libre con casi di piccola corruzione nei municipi, che vanno dall'addebito di una tassa per procedure come l'ottenimento di una patente di guida alle tangenti nei lavori pubblici. Quest'anno, Perú Libre ha rotto la sua alleanza parlamentare e ha espulso Castillo dal partito. È stato allora che le accuse si sono rivolte ai membri della sua famiglia, moglie, figlia, nipoti e stretti collaboratori. Mentre la moglie è accusata di essere a capo di un'organizzazione criminale, la pressione si è fatta sentire quando la figlia adottiva di 26 anni, Yénifer Paredes, è stata imprigionata "preventivamente". Prima che la giovane donna si presentasse volontariamente in tribunale, le immagini di un'irruzione della polizia nel palazzo del governo hanno trasformato l'evento in uno spettacolo. Praticamente l'unico risultato dell'intervento dell'OSA è stato il rilascio di Yénifer e il rigetto dell'accusa di tradimento in quanto infondata, dal momento che il reato di cui è accusato non esiste in nessuno dei motivi previsti.

Alla vigilia della terza destituzione, tutto ha preso una piega improvvisa. Castillo ha annunciato alla televisione nazionale lo stato di emergenza, la chiusura temporanea del Congresso e la richiesta di un'Assemblea Costituente. Il professore non avrebbe mai potuto pensare che i poteri forti avrebbero appoggiato il suo ‘autogolpe’. Un altro fatto sorprendente è che tutti i conteggi dei voti per partito coincidevano nel senso che il Congresso per la terza volta non avrebbe ottenuto gli 87 voti necessari per la sua rimozione. Anche se l'opposizione avesse avuto i voti, era preferibile che il presidente fosse estromesso da un Congresso con un'approvazione a una sola cifra piuttosto che dichiarare lo stato d'assedio. Infine, è legalmente autorizzato a dichiarare lo stato di emergenza, ma convocare un'assemblea costituente senza passare attraverso i meccanismi previsti è incostituzionale; l'unico capace di una tale audacia è stato Alberto Fujimori nel 1992 ed è stato possibile solo con l'appoggio delle Forze Armate. A differenza di Martín Vizcarra, che si è affidato all'articolo 134, che gli permette di chiudere il Congresso di fronte a due rifiuti di fiducia per chiuderlo nel 2019, l'azione di Castillo è un suicidio politico. L'ovvio è accaduto, il Congresso si è riunito e ha revocato il presidente come "leader del colpo di Stato" con un numero record di 101 voti a favore, tra cui i suoi alleati fino a quel momento. Subito dopo aver pronunciato il discorso “golpista”, il "dittatore" è stato arrestato. Si può dire che Pedro Castillo abbia instaurato una dittatura del ‘choletariado’, ma è durato meno di mezz'ora in libertà. Ci sono anche programmi televisivi, come Canal N, che hanno diffuso la notizia dell'arresto di Castillo prima del suo ultimo discorso. Mentre leggeva il suo discorso, il suo foglio tremava. Sedici membri del Congresso, fino a ieri alleati del governo e appartenenti a "Perú Bicentenario", "Perú Libre", "Bloque Magisterial" e "Juntos por el Perú- Cambio Democrático", hanno votato a favore della destituzione. I suoi ministri iniziarono a dimettersi in massa, e lui fu lasciato solo. Coloro che gli chiedevano di essere meno tiepido, di dare un calcio alla tavola e di chiedere un'Assemblea Costituente ad ogni costo, ora lo consideravano un tiranno. L'OSA si è riunita nuovamente e ha dichiarato che, sebbene il suo rapporto avesse anticipato che ciò sarebbe accaduto, "Castillo ha infranto l'ordine costituzionale" e che ciò era inaccettabile.

Come caratterizzare Castillo è stato un vicolo cieco per il progressismo internazionale, con l'onorevole eccezione di AMLO. Il Perù non ha mai partecipato alla prima ondata del ciclo progressista latinoamericano, anche se ci sono stati tentativi, la classe politica è riuscita a domare Alejandro Toledo, Alan García, che nel suo secondo mandato ha dilapidato tutto il capitale politico del partito della stella, e Ollanta Humala. Pedro Pablo Kuczynski, dopo aver vinto con margini risicatissimi, è stato fondatore del Gruppo di Lima, l'offensiva della destra regionale al culmine della "fine del ciclo progressista". Il suo successore, Martín Vizcarra, fu l'artefice di un tentativo riformista di riorganizzazione istituzionale, ma fallì e fu anch'egli estromesso. Castillo è salito al potere come membro di una seconda ondata progressista insieme a Paesi e processi molto diversi tra loro come Messico, Cile e Colombia. Ma si è anche unito ai ritorni del peronismo in Argentina, di Lula in Brasile e di Xiomara Castro in Honduras. La sua prima decisione in materia di politica di integrazione regionale è stata lo scioglimento del Gruppo di Lima. Gli impedimenti permanenti ai viaggi internazionali di Castillo dimostrano questa strenua difesa da parte del Congresso della politica internazionale del Perù. Mai prima d'ora i voti del Congresso hanno negato così tante richieste di lasciare il Paese per motivi così irrisori. I dinieghi hanno spaziato dalle visite al Papa alla riunione annuale dell'Alleanza del Pacifico, che nessuno può accusare di essere progressista e dove Castillo era presidente pro tempore.

Per l'OSA, ci sono stati così tanti tentativi grossolani di destituire il potere che non prendere posizione avrebbe minato la sua credibilità dopo il sostegno al colpo di Stato in Bolivia. Sebbene il rapporto mettesse in guardia da una catastrofica situazione di stallo tra il potere esecutivo e quello legislativo, l'OSA raccomandava che il potere giudiziario, attraverso la Corte Costituzionale, mediasse tra i due rami. Una delle prime persone a prendere posizione sulla questione è stata Jeanine Añez, il cui messaggio recitava: "pensavano di fare dei loro Paesi il loro parco giochi. Nascono golpisti e la dittatura li riunisce. Come in Bolivia, il Congresso peruviano ha approvato la successione costituzionale di fronte al vile colpo di Stato istituzionale messo in atto dal suo Presidente. Perù e Bolivia, popoli fratelli, liberi da dittatori".

Per catena di successione, la vicepresidente Dina Boluarte è entrata in carica come prima donna presidente del Perù; per coincidenza, due giorni prima del suo insediamento, i tribunali hanno respinto due denunce contro di lei. Nel suo breve periodo di potere, i principali avversari di Castillo sono state le donne: Keiko Fujimori, Maricarmen Alva - prima presidente del Congresso -, Mirtha Vásquez - seconda presidente del Congresso -, il procuratore e querelante contro Castillo, Patricia Benavídez - la cui sorella giudice è stata accusata di aver favorito i membri dei "Colletti bianchi del Callao", una presunta organizzazione giudiziaria indagata per aver favorito e coperto il Fujimorismo - e la presidente della magistratura, Elvia Barrios, che è stata invitata dall'ambasciata statunitense a uno "scambio di esperienze" con il governo degli Stati Uniti. Barrios è stata invitata dall'ambasciata statunitense a uno "scambio di esperienze nella lotta alla corruzione" a Washington D.C. alla fine di ottobre. Dal punto di vista morale, la socialdemocrazia made in ONG non ha esitato a definirlo un traditore di un popolo che non conosce. Tutto è possibile perché l'economia continua a funzionare. Castillo ha lasciato un'economia fiorente. Il paradosso peruviano è che l'economia riesce a continuare a crescere in mezzo - o grazie - alla crisi politica che dura da sette anni e la cui unica via d'uscita è un nuovo patto costituente.

Lo stesso giorno in cui Cristina Kirchner è stata condannata dai tribunali, Castillo ha dichiarato: "Ribadisco che non sono corrotto, perché non macchierei mai il nome e il buon nome dei miei genitori". Il giorno dopo, si è immolato con un autogolpe e, giocando d'azzardo, in un tentativo simbolico e disperato, ha annunciato un'assemblea costituente che è nata morta. Castillo avrebbe potuto benissimo dire "non sono un cagnolino del potere", ma ha optato per l'harakiri, il suicidio commesso per l'onore personale o, almeno, per la protezione della sua famiglia.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

-------------

Bárbara Ester è laureata e insegna Sociologia all'Università di Buenos Aires (UBA). È ricercatrice presso CELAG.

 

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente