Patrick Lawrence - Università. Un attacco all'intelligenza

Patrick Lawrence - Università. Un attacco all'intelligenza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Patrick Lawrence - Scheer Post

9 maggio 2024


"Non nel corso della mia vita", pensavo quando contemplavo il declino e la caduta dell'America. Un declino e una caduta che attendo con impazienza come preludio al rifacimento della nostra friabile repubblica, in modo che nasca qualcosa che si erga veramente a difesa degli ideali che professa di sostenere ma che oggi ignora senza riserve. Giustizia cieca, leader e istituzioni disinteressati, tolleranza verso gli altri, libertà di pensiero e di parola, un rispetto jeffersoniano per la ragione e la conoscenza: "Coloro che verranno dopo di me vedranno il crollo dell'imperium e inizieranno il lavoro di restauro, ma non io". 

Così ho pensato a lungo. E il ritmo degli eventi mi suggerisce che potrei sbagliarmi. Cose che prima pensavo richiedessero forse vent'anni ora si verificano in cinque, sei o sette. Se ritenevo che un certo giro di ruota della storia fosse lontano un decennio, che ne sapete voi se non che ora sembra che ci sia già addosso. 

Declino e caduta. Non è piacevole vivere in un'epoca come la nostra, ma è, come dicono i cinesi (o erano gli arabi?), interessante. Non perdiamo di vista, accettando il nostro destino, l'ottimismo che si cela nell'apparente pessimismo.

Il 2 maggio la Camera ha approvato un disegno di legge che, in linea di massima, definisce "antisemita" qualsiasi critica a Israele, o - cielo non voglia - la disapprovazione di Israele come "Stato ebraico". I membri della Camera più stravaganti hanno cercato di portare in aula questo pezzo di legge razionalmente scollegato per otto anni. La Camera invia ora l'Antisemitism Awareness Act al Senato con un voto di 320 a 19. 

Come se volesse confermare l'intenzione della Camera, il Presidente Biden ha annunciato, in occasione dell'evento del 7 maggio che segna l'annuale giornata della memoria del Museo dell'Olocausto, una serie di nuove misure legali e amministrative per contrastare l'inesistente crisi dell'antisemitismo, che ora si abbatte sugli Stati Uniti come un golpe comunista negli anni Cinquanta. Qualcuno ci spiegherà perché sentiamo parlare quotidianamente di tutto questo antisemitismo, ma non riusciamo a vederne altro che in qualche strampalato e non allarmente caso isolato? Qualcuno?  

Stiamo assistendo ad un vero e proprio assalto alla ragione, al linguaggio, alla legge e persino al più alto dei "valori" americani: il buon senso. È un segno della debolezza americana e la fa progredire ulteriormente. Vorrei chiedere cosa pensano i promotori di questa legge, ma la domanda implica una supposizione che non si dovrebbe fare. 

Lunedì scorso un nuovo interessante sito web chiamato Zeteo ha pubblicato una lettera che 12 senatori repubblicani hanno firmato e inviato al procuratore capo della Corte penale internazionale, Karim Khan, in risposta ai piani, riferiti ma non confermati, della CPI di notificare a vari funzionari israeliani, tra cui il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, mandati di arresto con l'accusa di crimini di guerra a Gaza. Dovete leggerlo per crederci. "Prendete di mira Israele e noi prenderemo di mira voi", si legge nella lettera. "Se andrete avanti con le misure indicate nel rapporto, metteremo fine a tutto il sostegno americano alla Corte penale internazionale, sanzioneremo i vostri dipendenti e collaboratori e impediremo a voi e alle vostre famiglie di entrare negli Stati Uniti". 

E poi la tanto commentata battuta finale: "Siete stati avvertiti".

Pensateci. Questa missiva è un vero e proprio rifiuto del diritto internazionale. Allo stesso tempo, vediamo in essa un imperium che cova sulla difensiva, conducendo azioni di retroguardia all'arrivo delle realtà del XXI secolo. I firmatari sono solo 12 e comprendono ciceroni come Mitch McConnell, Ted Cruz e Marco Rubio. Ma non illudetevi: La loro lettera riflette una corrente di opinione forte e prevalente a Washington - anche, direi, tra i Democratici come Chris Van Hollen, che ha ritenuto la lettera, se non i suoi sentimenti, "un'azione criminale che si addice alla mafia". 

Ciò che più mi colpisce della lettera dei senatori è questo: Coloro che pretendono di guidare questa nazione sono molto poco interessati, se lo sono, a ciò che il resto del mondo pensa dell'America - o anche a ciò che gli americani pensano dell'America. Il potere è tutto ciò su cui l'imperium in fase avanzata può contare. E il potere da solo, in una qualsiasi delle sue tre forme principali - potere militare, coercizione e corruzione - non è destinato, nonostante le circostanze attuali, a definire l'epoca che ci attende. 

Stiamo parlando di declino e caduta. Questo è ciò che sembra, pezzo dopo pezzo, perversione dopo perversione. Spesso si annuncia con audaci affermazioni di autorità da parte di persone che presumono di dettare legge a loro piacimento, ma che si pongono al di sopra di essa - ciò che gli studiosi, a partire da Carl Schmitt, il teorico del nazismo, chiamano "lo stato di eccezione". 

Gli eventi più sorprendenti degli ultimi mesi, che si stanno avvicinando al culmine mentre parliamo, riguardano quello che è ormai uno sforzo prevalente per distruggere i college e le università americane come istituzioni indipendenti di istruzione superiore. È vero, come alcuni hanno osservato, che gli scontri nei campus americani non devono essere considerati l'evento principale, che rimane il genocidio israelo-statunitense.

Mentre scrivo questo articolo, arrivano i primi bollettini del martedì da Gaza che riferiscono che gli israeliani hanno chiuso i due valichi nel sud di Gaza, Rafah e Kerem Shalom, che servono come vie di salvezza per i palestinesi che hanno bisogno di aiuti e cure mediche. Non c'è niente di più barbaro, tranne il fatto che, nel caso israeliano, è sempre così. 

Ma con questi sviluppi amaramente in mente, dovremmo riconoscere il significato e la gravità delle feroci risposte, statali e private, alle onorevoli dimostrazioni di principio, integrità e chiarezza di pensiero di cui siamo testimoni nei campus universitari americani. Nella fase avanzata di un impero, tutte le istituzioni devono servire lo Stato e l'ideologia dominante. Si tratta di una realtà strutturale, un imperativo storico, che viene raramente sottolineato ma che è comunque facilmente identificabile. Abbiamo già assistito a questo arruolamento forzato nei casi dei media aziendali, dei tribunali precedentemente indipendenti, delle organizzazioni non governative e di ogni sorta di istituzioni culturali: case editrici, biblioteche, musei, studios di Hollywood. Ora è il turno dei college e delle università. 

In questa tarda fase di declino, a nessuno o a nessuna entità è permesso di stare al di là dei paletti della recinzione in nome del pensiero indipendente o della libertà di parola. La particolare gravità di questa situazione, quando l'obiettivo è l'istruzione terziaria, non può essere sopravvalutata. Distruggendo i college e le università come santuari del pensiero e della parola non circoscritti e volutamente esplorativi - la libertà accademica nel linguaggio comune - si è già a buon punto nella distruzione del dinamismo intellettuale della nazione, e quindi del suo futuro. 

Vi invito a vedere uno spezzone eccezionale del programma di Al Jazeera chiamato Listening Poost, trasmesso nel fine settimana con il titolo "Il problema della copertura delle proteste nei campus statunitensi": ci sono i filmati, soprattutto quelli dei dipartimenti di polizia locale, della polizia di Stato, delle unità di pattugliamento autostradale, della polizia dei campus. Se c'è un termine per definire questo fenomeno che non sia repressione di Stato, non mi viene in mente. 

Ascoltate il commento. È chiaro, analitico, fondato sulla realtà, professionale, spassionato, più o meno obiettivamente impeccabile. È quasi impossibile trovare filmati di eventi del campus così audaci, così equilibrati, così privi di censure, ed è assolutamente impossibile trovare analisi e commenti di tale acume e onestà nei media americani. 

Sugli schermi americani abbiamo invece visto un altro tipo di presentazione - il ne plus ultra della copertura televisiva della scorsa settimana - attraverso Inside Politics, il programma di Dana Bash della CNN. Permettetemi di tornare all'elenco degli aggettivi appena citati. Questo pezzo non è chiaro, né analitico, né fondato sulla realtà, né professionale, né spassionato, e non pretende nemmeno di essere obiettivo. Si tratta di un'istituzione coercitiva che ha ceduto allo Stato e alla sua ideologia e che fa la sua parte per aiutare a costringerne un'altra alla sottomissione. Niente di più. 

"Cominciamo con la distruzione, la violenza e l'odio nei campus universitari di tutto il Paese", esordisce Bash. Dopo un paio di minuti di paranoia, ecco il testo in corsivo di Bash: "Protestare per il modo in cui il governo israeliano, il primo ministro israeliano, sta portando avanti la guerra di rappresaglia contro Hamas è una cosa. Far sentire gli studenti ebrei insicuri nelle loro scuole è inaccettabile, e sta accadendo fin troppo spesso in questo momento". 

Poi un video di uno studente ebreo dell'UCLA che, come è ovvio, non si sente minimamente in pericolo, mentre cerca di superare un picchetto per raggiungere la sua classe. Poi ancora Bash: "Quello che avete appena visto è il 2024 a Los Angeles, un ritorno agli anni '30 in Europa. E non lo dico con leggerezza".

Grillo Parlante. 

Se il programma di Dana Bash del 1° maggio è stato scandaloso, ha anche rispecchiato il resto dei media aziendali. È possibile immaginare lo spettacolo di emittenti e quotidiani, orgogliosamente liberali, che esultano per la soppressione della libertà di parola e di inchiesta, attaccando, cioè, una delle istituzioni più fondamentali che sostengono l'ordine liberale? L'opposizione dei media ai "fondamentalisti della libertà di parola" non è un fenomeno nuovo, è vero, ma peggiora quando si estende alle istituzioni educative. L'unica cosa che mi è piaciuta del segmento di Bash è stata la sua introduzione del vecchio tema degli "agitatori esterni". Che divertimento. Lo ha ripescato direttamente dal catechismo di John Birch e mi ha fatto fare una passeggiata stranamente divertente lungo il viale dei ricordi.

Per rimanere brevemente sulla questione dei media, ho trovato altrettanto preoccupante, se non di più, leggere la scorsa settimana che The Real News Network ha cancellato The Chris Hedges Report. Perché? 

Beh, se si vuole fare una lista di giornalisti di alto livello professionale la cui integrità è esemplare, la lista sarà breve, sì, ma Hedges dovrebbe esserci. Il suo licenziamento per mano di persone che non sono riuscite, come si diceva una volta, a cambiare il nastro della sua macchina da scrivere è qualcosa di quasi osceno. Sebbene a Hedges sia stato detto che un'intervista da lui realizzata con un candidato al Congresso minacciava lo status di non profit dell'emittente, a mio avviso le ginocchia hanno vacillato alla TRNN perché Hedges è coerente con il suo lavoro.

È passato molto, molto tempo da quando i media aziendali, dal New York Times in giù (o oltre), hanno ceduto la loro sovranità, il loro status di polo di potere indipendente, all'ideologia dominante. Questa è una sorta di "missione compiuta" per lo Stato di sicurezza nazionale. Per quanto posso capire, e non ho intenzione di fare uno studio su The Real News Network, il suo trattamento verso Chris Hedges è sintomatico dell'insinuarsi degli autoritari liberali nei media indipendenti. Il mostro di Dana Bash, diciamo, sembra avvicinarsi. Questa è una preoccupazione crescente. Il compito numero uno di questi media, quello che devono portare a termine prima di fare qualsiasi altra cosa, è rifiutarsi di servire lo Stato e l'ideologia neoliberista.  

I conservatori del Congresso hanno pianificato da tempo un attacco alle università per sopprimere la libertà accademica. Ed è evidente fin dallo scorso dicembre, quando hanno tenuto quelle udienze maccartiste prima di chiedere il licenziamento dei presidenti di Penn e Harvard, che hanno individuato nella crisi di Gaza e nell'ondata di antisemitismo l'occasione che aspettavano. 

Il desiderio persistente è quello di distruggere i college e le università che non si conformano al loro modo di vedere il mondo. Leggiamo ora che quattro membri della Camera hanno avviato indagini sulla fantomatica crisi dell'antisemitismo dilagante tra i manifestanti universitari. 

Ciò che mi ha colpito lo scorso autunno, e continua a colpirmi ora, sono le intrusioni di donatori molto ricchi nelle questioni di libertà accademica. Questo è iniziato tra i laureati dell'Università della Pennsylvania, quando molti di loro hanno minacciato di trattenere le donazioni, o lo hanno fatto, perché gli amministratori della Penn hanno difeso la libertà accademica invece di accettare di sopprimere coloro che nell'università - studenti e docenti - si sono schierati contro un genocidio e a favore della causa palestinese. 

La scorsa settimana un altro donatore ha annunciato che avrebbe smesso di sostenere la Brown University, sua alma mater, dopo che l'amministrazione ha accettato di negoziare con i leader studenteschi sulla questione del disinvestimento dei fondi di dotazione dalle aziende che traggono profitto dalle varie atrocità di Israele. Il più determinato di questi intrusi - o meglio, il più odioso - è William Ackman, che si impegna a usare il suo denaro per perseguire i media e le università che non si conformano al suo modo di vedere il mondo. "Io aggiusto le cose", ha dichiarato alla rivista Fortune in un'intervista pubblicata a gennaio. "Questo è solo sistemare le cose".

Guardate questo elenco, che è molto parziale. David Magerman (Penn, miliardario di hedge fund), Cliff Asness (lo stesso), Mark Rowan (Penn, private equity), Ronald Lauder (Penn, impero dei cosmetici), Barry Sternlicht (Brown, immobiliare), William Ackman (Harvard, hedge fund). Ora abbiamo persone danarose e un padrone di casa - sì, un padrone di casa - che pretendono di dettare il modo in cui le istituzioni di istruzione superiore si gestiscono: cosa insegnano, come viene insegnato, cosa si può dire o pensare e cosa no. È più che inconcepibile. 

Lo scrittore e giornalista Michael Massing ha pubblicato nel 2016 sulla New York Review of Books "How to Cover the One Percent", un brillante articolo sulla frode della "filantropia disinteressata". Non esiste una donazione disinteressata, sosteneva con dovizia di prove. Lasciare la ricchezza privata per sostenere le istituzioni della sfera pubblica - università, musei, radiodiffusione pubblica, eccetera - è in fondo un modo per controllare il discorso pubblico e quindi un metodo di controllo politico, sociale e (soprattutto) ideologico. Questo è ciò che intendeva Massing.

Alcuni commentatori hanno osservato, mentre il genocidio israelo-statunitense procedeva, che Israele si sarebbe rivelato la rovina dell'Occidente. I principi in base ai quali l'Occidente pretendeva di vivere, la sua vecchia, antica pretesa di superiorità globale: il sostegno all'orrendo Stato dell'apartheid avrebbe mandato in fumo tutto questo. E ora è evidente. Diritto, lingua, libero pensiero, conoscenza: In tutti questi ambiti, Israele sta distruggendo il cosiddetto ordine liberale. Non c'è da sorprendersi del tutto: Lo Stato di Israele è stato fin dall'inizio una fandonia irrealizzabile, fondata sulla crudeltà e sull'intolleranza.

"Ma l'utilità dell'intelligenza è ammessa solo in teoria, non in pratica", scriveva Bertrand Russell in uno splendido saggio di 102 anni fa, intitolato "Libero pensiero e propaganda ufficiale". "Non si vuole che la gente comune pensi da sola, perché si ritiene che le persone che pensano da sole siano scomode da gestire e causino problemi amministrativi".

Dovremmo considerare questo aspetto mentre pensiamo agli studenti e agli attacchi che vengono loro rivolti da più parti, ai Dana Bashes che i media corporativi ci propinano, al tentativo di sabotare il lavoro di Chris Hedges, alle leggi insensate che passano in Parlamento, al linguaggio corrotto utilizzato nella routine dell'antisemitismo ovunque, agli attacchi alle istituzioni di apprendimento. In tutti questi casi, ciò che è sotto assedio è la nostra conoscenza e la nostra intelligenza. Non siamo tenuti a vedere e pensare a queste cose così come sono.  

È di gran lunga meglio che lo facciamo: vedere e pensare, custodire la nostra intelligenza.  Allora sapremo riconoscere il nostro tempo per quello che è, visto che si muove così rapidamente.


*Traduzione de l'AntiDiplomatico



Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti