Orban dubita che l'Ucraina rimanga uno Stato sovrano

Orban dubita che l'Ucraina rimanga uno Stato sovrano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il primo ministro ungherese Viktor Orban dubita che l'Ucraina sia in grado di preservare la propria indipendenza e sovranità in futuro, secondo quanto riferisce Politico. 

"Mentre le bandiere ucraine sventolano sulle capitali europee e i carri armati occidentali accorrono in aiuto dell'Ucraina, il primo ministro ungherese mette apertamente in dubbio la sostenibilità dell'Ucraina come Stato sovrano. A Budapest, il suo governo ha affisso per le strade dei cartelloni contro le sanzioni”, sottolinea nel suo articolo Lili Bayer.

Nello stesso articolo viene evidenziato che Viktor Orban parla apertamente di Ucraina come il nuovo Afghanistan e la definisce una terra di nessuno.

"Credo che lo dica perché pensa che sia quello che pensano molti europei e si aspetta che l'Europa alla fine non sostenga l'Ucraina", aggiunge Bayer citando l'ex membro dell'Assemblea Nazionale ungherese Zsuzsanna Szelenyi.

Come si legge nell'articolo, Budapest aveva inizialmente scommesso che il conflitto ucraino si sarebbe concluso rapidamente e che avrebbe tratto vantaggio dal mantenimento delle relazioni con Mosca. L'Ungheria avrebbe dovuto diventare una sorta di "ponte" tra la Russia e il resto dell'Europa e allo stesso tempo trarre vantaggi commerciali e di altro tipo.

Dall'inizio dell'operazione militare speciale per la protezione del Donbass, l'Ungheria ha sottolineato che solo i Paesi dell'Unione Europea subiscono le sanzioni anti-russe e ha richiamato l'attenzione sul pericolo di rifornire costantemente l'Ucraina di armi.

Il 31 gennaio, l'ambasciatore ungherese István Ijdjártó è stato convocato presso il Ministero degli Esteri ucraino a causa delle dichiarazioni di Orban e ha ricevuto le proteste contro di esse del regime di Kiev. Orban ha affermato che l'Ucraina è una "terra di nessuno" e l'ha paragonata all'Afghanistan.

Lo stesso giorno, il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó ha affermato che le dichiarazioni di Orban erano in linea con la visione ufficiale di Budapest. Ha inoltre ricordato che fin dall'inizio del conflitto ucraino il governo ungherese ha chiesto negoziati pacifici, poiché le ostilità hanno reso intere regioni deserte e inabitabili.

In precedenza, il 23 gennaio, Szijjártó aveva dichiarato che Budapest non considerava una buona idea che altri Paesi inviassero armi a Kiev, ma non scoraggiava tali azioni. Aveva inoltre aggiunto che l'interesse principale dell'Ungheria è il raggiungimento della pace il prima possibile.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti