Operazione militare russa in Donbass. La condanna di Usa, Ue e Nato

Operazione militare russa in Donbass. La condanna di Usa, Ue e Nato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I Rappresentanti degli Stati Uniti, della NATO, dell'ONU e di diversi stati occidentali hanno criticato l'annuncio del presidente russo Vladimir Putin di una "operazione militare speciale" nella regione del Donbass.

Dopo che il presidente Putin ha risposto alle richieste di assistenza militare delle Repubbliche popolari di Donetsk (DPR) e Lugansk (LPR) nel Donbass lanciando una "operazione militare speciale" nella regione questa mattina, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato che riterrà la Russia "responsabile" per la morte e la distruzione che questo attacco porterà”.

"Gli Stati Uniti, i loro alleati e partner risponderanno in modo unito e deciso. Il mondo riterrà responsabile la Russia", ha affermato il presidente Biden in una dichiarazione, aggiungendo che "pregherà per il popolo coraggioso e orgoglioso dell'Ucraina".

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha condannato "l'attacco sconsiderato e non provocato all'Ucraina" di Mosca e ha accusato la Russia di rischiare "innumerevoli vite civili".

"Ancora una volta, nonostante i nostri ripetuti avvertimenti e gli instancabili sforzi per impegnarsi nella diplomazia, la Russia ha scelto la via dell'aggressione contro un paese sovrano e indipendente", ha affermato Stoltenberg, definendo l'operazione militare speciale di Putin "una grave violazione del diritto internazionale" e "un grave minaccia per la sicurezza euro-atlantica".

Stoltenberg ha concluso invitando Mosca a "cessare immediatamente la sua azione militare e rispettare la sovranità e l'integrità territoriale dell'Ucraina".

Il segretario generale delle Nazioni Unite (ONU) Antonio Guterres ha invitato Putin a impedire alle "truppe russe di attaccare l'Ucraina" e ha detto: "Date una possibilità alla pace. Troppe persone sono già morte".

Mosca ha ricevuto dure critiche anche da Francia, Canada e Germania, con l'ambasciatore francese all'ONU, Nicolas De Riviere, che ha dichiarato: "La Russia ha scelto la guerra. La Francia condanna con la massima fermezza l'inizio di queste operazioni".

Allo stesso modo, il primo ministro britannico Boris Johnson ha attaccato duramente la Russia per l'operazione, dicendo di essere "sconvolto dagli eventi orribili in Ucraina" e di aver parlato con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky dei "prossimi passi". "Il presidente Putin ha scelto una strada di spargimento di sangue e distruzione lanciando questo attacco non provocato all'Ucraina", ha aggiunto, osservando che Londra e i suoi alleati "risponderebbero in modo decisivo".

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha condannato "nei termini più forti possibili l'immane attacco della Russia all'Ucraina" e ha affermato che "gli atti sconsiderati e pericolosi" di Mosca "non sarebbero rimasti impuniti".

La Missione tedesca presso le Nazioni Unite, nel frattempo, ha invitato i suoi alleati a "sostenere l'Ucraina e contro una spudorata violazione del diritto internazionale" e ha affermato che "l'aggressione militare della Russia" avrebbe "arrivato a un prezzo senza precedenti, politicamente, economicamente e moralmente".

Anche la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha criticato "l'attacco ingiustificato della Russia all'Ucraina", giurando di "ritenere responsabile il Cremlino".

Nel suo discorso di giovedì, Putin ha affermato che l'operazione era necessaria per "proteggere" il popolo delle repubbliche di Donetsk e Lugansk, sostenendo che era stato sottoposto al "genocidio del regime di Kiev" negli ultimi otto anni.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti