OPEC+ compatto contro gli USA: ufficiale il taglio alla produzione di petrolio

OPEC+ compatto contro gli USA: ufficiale il taglio alla produzione di petrolio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I membri del gruppo di paesi OPEC+ hanno rilasciato una serie di dichiarazioni per approvare un importante taglio alla produzione di petrolio che già era stato annunciato all'inizio di questo mese.

Queste dichiarazioni sono state rilasciate in risposta alle accuse durissime di alcuni funzionari statunitensi, i quali hanno accusato  l'Arabia Saudita di aver "costretto" i suoi partner dell'OPEC a sostenere il taglio, presumibilmente per "aumentare le entrate russe e smussare l'efficacia delle sanzioni [occidentali]".

Washington ha continuato lamentando che diverse nazioni del Golfo l’hanno contattata "privatamente" per dire che non erano d'accordo con la decisione dell'OPEC+.

"Vorrei chiarire che l'ultima decisione dell'OPEC+, che è stata approvata all'unanimità, è stata una pura decisione tecnica, senza alcuna intenzione politica", ha twittato ieri il ministro dell'Energia degli Emirati Arabi Uniti, Mohamed al-Mazrouei.

Anche l'amministratore delegato della Kuwait Petroleum Corporation, Nawaf Saud al-Sabah, ha accolto con favore la decisione dell'OPEC+, precisando che il suo paese "è desideroso di mantenere un mercato petrolifero equilibrato".

Allo stesso modo, la Oil Marketing Company (SOMO) irachena in una dichiarazione ha spiegato che le decisioni dell'OPEC+ sono "basate su indicatori economici e sono prese all'unanimità".

"C'è un consenso completo tra i paesi OPEC+ sul fatto che l'approccio migliore per affrontare le condizioni del mercato petrolifero durante l'attuale periodo di incertezza e mancanza di chiarezza sia un approccio preventivo che supporti la stabilità del mercato e fornisca al futuro la guida di cui ha bisogno", precisa ancora la SOMO.

Il ministro dell'Energia algerino Mohamed Arkab ha definito "storico" il recente taglio della produzione e ha espresso piena fiducia nella decisione dell'organizzazione durante un incontro svoltosi ieri con il segretario generale dell'OPEC Haitham al-Ghais, il quale ha sottolineato che "queste affermazioni... sono la prova che la decisione era corretta.”

Il ministero dell'Energia dell'Oman, da parte sua, ha anche rilasciato una dichiarazione a sostegno della decisione, attraverso Twitter: "La recente decisione dell'OPEC+ di tagliare la produzione è in linea con le sue precedenti decisioni in termini di affidamento sui dati di mercato e sulle sue variabili, il che era importante e necessario per rassicurare mercato e sostenerne la stabilità”.

 


Il giorno prima, il ministro del petrolio del Bahrain, il dottor Mohamed Bin Daina, ha ribadito che la decisione di tagliare la produzione "è stata presa all'unanimità e dopo un approfondito studio tecnico del mercato globale".

Il 5 ottobre, l'OPEC+ - un blocco di oltre 20 nazioni OPEC e non, inclusa la Russia - aveva annunciato un taglio della produzione di petrolio di due milioni di barili al giorno (bpd) per il prossimo novembre, ovvero il taglio più grande dall'inizio della pandemia da COVID.

La decisione è stata presa nonostante le intense pressioni della Casa Bianca, la quale sperava di mantenere bassi i prezzi del carburante in vista delle imminenti elezioni di medio termine, poiché il partito democratico di Joe Biden sta affrontando molte difficoltà con perdite di consensi.

Dopo che per l’ennesima volta non sono riusciti a costringere i loro partner del Golfo ad aumentare i livelli di produzione al fine di mantenere bassi i prezzi del carburante, i funzionari statunitensi si sono dati da fare per una risposta adeguata, persino facendo rivivere un atto legislativo che consentirebbe agli stati sovrani di essere citati in giudizio in un tribunale federale.

Inoltre, Washington ha accusato l'Arabia Saudita di aver orchestrato il taglio a "beneficio della Russia" dopo che il regno ha risposto alle suppliche degli Stati Uniti con un "clamoroso no".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti