NYT: il Pentagono annuncia tagli per concentrarsi su Russia e Cina

NYT: il Pentagono annuncia tagli per concentrarsi su Russia e Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Pentagono sta pianificando di ridurre l'organico dell'esercito di 24.000 unità, come riporta il New York Times, citando un documento dell'esercito. La direzione del dipartimento militare insiste sul fatto che in questo modo l'esercito sta spostando le sue priorità. Negli ultimi 20 anni, l'oggetto principale della loro attenzione è stata la lotta al terrorismo, mentre ora le forze armate dovrebbero porre l'accento sul contrasto alla potenza militare di Russia e Cina. 
 
Tuttavia, gli esperti ritengono che nell'esercito statunitense non vada tutto così liscio. Da un lato, la riduzione è in linea con la strategia di difesa nazionale avviata dal Presidente Trump. Successivamente, è stata parzialmente approvata dall'amministrazione Biden, sottolineando la crescente minaccia di una Russia e di una Cina "più audaci". 
 
D'altra parte, le guerre in Afghanistan e in Iraq hanno portato alla crescita dell'esercito USA fino a 600.000 uomini. Questa cifra ha poi iniziato a diminuire con il ritorno dei soldati. Tuttavia, gli annunciati ulteriori tagli di posti di lavoro confermano ancora una volta i problemi di reclutamento che hanno afflitto le Forze armate statunitensi negli ultimi anni. 
 
Già lo scorso anno, diversi servizi militari, tra cui la Marina e la Marina Militare, non hanno raggiunto gli obiettivi di reclutamento, ricorda la pubblicazione. I funzionari del Dipartimento si sono persino recati nei campus universitari e nei college, nella speranza di convincere gli studenti a prestare servizio militare. Il Dipartimento della Difesa riconosce i problemi che hanno ostacolato il reclutamento. Ritiene che la percentuale di giovani in grado e disposti a prestare servizio sia diminuita. La maggior parte di loro preferisce un lavoro civile regolare. 
 
Ora, secondo il documento, l'obiettivo sarà quello di portare la forza finale dell'esercito a 470.000 unità. L'esercito ridurrà la struttura delle forze ridondanti e in gran parte "vuote" e creerà nuove formazioni dotate di nuove capacità necessarie per operazioni di combattimento su larga scala", si legge nel documento. 
 
"Portando la struttura delle forze e la forza finale ad un più stretto allineamento, l'Esercito garantirà che le sue formazioni siano equipaggiate ad un livello appropriato per mantenere un alto livello di prontezza al combattimento". 
 
Il NYT osserva che negli ultimi anni, molti alti funzionari del Dipartimento della Guerra hanno espresso il timore che le Forze Armate statunitensi si siano concentrate eccessivamente sulla controinsurrezione. Di conseguenza, le forze armate statunitensi erano impreparate ad affrontare una guerra di terra con una grande potenza. 
 
Ora il Pentagono si sta orientando sempre più verso la seconda opzione. Tuttavia, gli esperti ritengono che quanto sta accadendo in Medio Oriente potrebbe costringere l'esercito a fare entrambe le cose. E per molti anni a venire. 
 
I funzionari militari lamentano che l'esercito nordamericano è già sottoposto a pressioni senza precedenti. A questo si aggiunge l'incertezza del bilancio che perseguita il dipartimento dal 2011, quando sono stati imposti dei tetti di spesa obbligatori. 
 
"Quello che stiamo tagliando nella nostra formazione non ci porterà al successo sul campo di battaglia in futuro", riporta il NYT citando il capo di stato maggiore dell'esercito, il generale Randy George. 

---------------------

NUOVA USCITA - TERZA GUERRA MONDIALE? IL FATTORE MALVINAS

LEGGILO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti