Novak Djokovic verrà nuovamente messo agli arresti in Australia da domani mattina

Novak Djokovic verrà nuovamente messo agli arresti in Australia da domani mattina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nuovo ribaltamento di situazione nella vicenda che vede contrapposti la stella del tennis Novak Djokovic e il governo australiano dopo che le autorità hanno revocato il suo visto per la seconda volta a causa del suo status vaccinale. 

I media affermano che l'atleta dovrà sostenere un colloquio con i funzionari dell'immigrazione australiana sabato mattina, dopo di che sarà arrestato e inviato presso una struttura di detenzione per immigrati utilizzata per i rifugiati.

I suoi avvocati hanno detto che presenteranno un appello e hanno definito la decisione di revocare il visto dell'atleta come "palesemente irrazionale". Hanno anche espresso preoccupazioni per la sicurezza di Djokovic se la posizione della sua struttura di detenzione diventasse nota.

La contesa riguarda l'esenzione medica legata al Covid che l’atleta ha ricevuto per recarsi in Australia. L'esenzione gli dovrebbe permettere di partecipare agli Australian Open, uno dei quattro prestigiosi tornei di tennis del Grande Slam. 

Secondo le regole attuali in Australia, una persona non vaccinata può entrare nel paese solo se ha una giustificazione medica per non aver fatto il vaccino. 

Il 20 volte vincitore del Grande Slam e il più longevo numero uno del tennis maschile, ha ricevuto un'esenzione medica da due commissioni mediche indipendenti organizzate da Tennis Australia, che ospita gli Australian Open, e dallo Stato di Victoria, dove si tiene l'evento. 

Secondo l'Australian Border Force, l'agenzia di immigrazione del paese, la stella del tennis non è riuscita a fornire "prove adeguate" per l'esenzione medica quando è arrivato. Dopo aver trascorso ore  fermato presso il punto di controllo dell'immigrazione a Melbourne, il suo visto è stato cancellato.

La mossa ha provocato una disputa diplomatica tra Canberra e Belgrado, con i funzionari serbi che hanno accusato le autorità australiane di molestie e tentativi di umiliare la stella del tennis.

Gli avvocati dell'atleta hanno detto che una recente infezione da coronavirus è stata la ragione per cui Djokovic ha ottenuto l'esenzione medica. 

Tuttavia, le autorità australiane hanno detto che questo non è un motivo valido per poter entrare nel paese. 

Solo gli individui che hanno contratto il Covid-19 e sono completamente vaccinati possono entrare in Australia.

Dopo che le autorità australiane hanno revocato il suo visto per la seconda volta, citando "motivi di salute e ragioni di ordine pubblico”, i suoi avvocati hanno detto che la decisione è stata presa non perché Djokovic rappresenti un pericolo, ma perché può “eccitare il sentimento anti-vax" in Australia.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

In fiamme il Parlamento libico di Michelangelo Severgnini In fiamme il Parlamento libico

In fiamme il Parlamento libico