Nord est Siria. I curdi delle FDS usano macchine per l'estrazione dell'acqua di fabbricazione israeliana

Nord est Siria. I curdi delle FDS usano macchine per l'estrazione dell'acqua di fabbricazione israeliana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In un articolo esclusivo pubblicato dal Times of Israel del 10 maggio è stato rivelato che le forze democratiche siriane (FDS) sostenute dagli Stati Uniti stanno consentendo alle ONG che operano nelle aree sotto il loro controllo in Siria di utilizzare la tecnologia israeliana per l'estrazione dell'acqua.

Watergen, un'azienda israeliana, produce macchine che estraggono acqua dolce dall'aria e sono alimentate da energia solare.

I dispositivi sono stati acquistati dalla ONG denominata Multifaith Alliance for Syrian Refugees. Il suo direttore, Shadi Martini, ha dichiarato che i dispositivi saranno installati in scuole, ospedali e strutture mediche nelle aree sotto il controllo delle FDS.

Martini è stato direttore dell'ospedale di Aleppo fino al 2012, anno in cui è fuggito dalla guerra. Dopo la guerra, ha continuato a guidare diverse ONG.

“Durante il mio lavoro, ho incontrato spesso israeliani e alti rappresentanti, come il defunto presidente Shimon Peres, e altri presidenti come Reuven Rivlin e Isaac Herzog. Il mio obiettivo era promuovere il lavoro congiunto e le relazioni tra israeliani e siriani”, ha confessato Martini.

Il governo israeliano ha sostenuto la guerra in Siria sostenuta dall'estero, cercando di rovesciare Assad.

Questa guerra ha portato a una delle più grandi crisi di rifugiati al mondo.

L'aviazione israeliana si è impegnata in attacchi aerei contro l'esercito siriano e i suoi alleati sin dai primi anni della guerra, con attacchi ancora in corso fino ad oggi.

Israele occupa anche le alture del Golan, che è riconosciuto come territorio sovrano siriano dalla maggior parte delle nazioni.

Le Fds hanno recentemente messo sotto assedio per quasi un mese il governatorato siriano di Hasaka, nord est della Siria, che ha bloccato l'arrivo di beni essenziali ai suoi residenti.

Secondo quanto riferito, l'assedio è avvenuto in risposta al blocco del governo siriano su due quartieri controllati dai curdi ad Aleppo iniziato il 13 marzo.

Il 29 aprile le Fds hanno iniziato ad allentare l'assedio dopo i colloqui tra le Fds e il governo siriano, mediati dalla Russia.

Durante l'assedio, Hasaka ha dovuto affrontare una crisi idrica causata dai danni alle infrastrutture idriche causati dagli attacchi delle forze turche nella regione.

Fonti affermano che i negoziati sono ancora in corso e l'assedio non è stato revocato completamente poiché la milizia delle Fds si rifiuta di consegnare gli edifici che sono diventati siti militari.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti