Non siete voi a poter invocare l'"unità nazionale"

Non siete voi a poter invocare l'"unità nazionale"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Antonio Di Siena

Gli stessi “statisti” che per settimane ci hanno ripetuto che l’Italia non si deve fermare, che la vita deve andare avanti come se niente fosse, che bisogna uscire a fare aperitivi, che è più importante preoccuparsi dell’influenza stagionale. 

Questi stessi cialtroni qua adesso,dopo quasi 6mila morti, ci fanno sapere che praticamente siamo in guerra e fanno appello all’unità nazionale. 

Bene, lasciate che vi dica una cosa. 

Il popolo italiano di essere in guerra lo sa già da tempo. 

Lo sa da quando è costretto a vivere da terremotato nei container, a fare la spesa al discount o pranzare alla Caritas. Da quando ha il marito disoccupato per colpa dell’ennesima delocalizzazione, o il fratello che si è sparato in testa a causa del fallimento della sua piccola azienda. O da quando ha perso un figlio sotto le macerie di un alloggio per studenti costruito col cartone, di un ponte autostradale non manutenuto o sotto la neve di un hotel le cui richieste di soccorso sono rimaste inascoltate dalla prefettura. 

Gli italiani da decenni condividono lo stesso destino e la stessa sofferenza e per questo sono già uniti.



Perché uno accanto all’altro hanno scavato a mani nude nel fango dei dissesti idrogeologici ignorati e mai risolti o sotto le macerie di strutture costruite al massimo ribasso perché c’è la spending review che ci chiede Leuropa. 

E da ben prima di questa emergenza hanno capito di essere soli. Di non aver bisogno di voi. 

Perché chi non comprende prima degli altri un pericolo non può difenderti da esso. E chi non è in grado di difendere un popolo non può condurlo ma solo seguirlo. 

Quando tutto questo sarà passato infatti non sarà la classe politica, ma soltanto il popolo italiano a ricostruire, ancora una volta, questo Paese. 

Perché comunque vada gli italiani sopravviveranno. 

Quelli morti siete voi.

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti