No agli F-35, la Germania approva un contratto da 5,4 miliardi di euro per l'acquisto di 38 caccia Eurofighter Typhoon

No agli F-35, la Germania approva un contratto da 5,4 miliardi di euro per l'acquisto di 38 caccia Eurofighter Typhoon

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Germania ha bisogno di rinnovare con abbastanza celerità la sua flotta di caccia da combattimento. I Tornado in forza all’aviazione militare di Berlino sono ormai vetusti e la loro operatività è garantita sono fino al 2025. 

 

Le forze armate tedesche sono  da lungo tempo alla ricerca di un sostituto adatto per i caccia in invecchiamento, entrati in servizio con l'aeronautica tedesca nel 1983, ma non è stata ancora presa alcuna decisione.

 

Sebbene Berlino abbia precedentemente studiato l'acquisto di aerei da combattimento stealth F-35 di Lockheed Martin, velivoli in grado di eseguire sia attacchi a terra che missioni aeree, per sostituire i Tornado, ha annullato i piani nel 2019. Secondo quanto riferito, la Germania ha deciso di scegliere tra i caccia F / A-18 statunitensi prodotti da Boeing o gli Eurofighter Typhoon, prodotti dal gigante europeo Airbus.

 

Adesso, secondo quanto afferma The EurAsian Times, il Bundestag (parlamento tedesco) avrebbe approvato l'acquisizione di più caccia Typhoon per rafforzare la Luftwaffe, l'aeronautica tedesca, che come detto in precedenza deve assolutamente svecchiare la sua flotta. 

 

Il contratto è stato aggiudicato ad Airbus per l'acquisto di 38 caccia Eurofighter Typhoon, con stime di costo che indicano una cifra di 5,4 miliardi di euro. Le varianti ordinate sono la Tranche-3, che sostituirebbe la variante Tranche-1 in servizio dei Typhoon.

 

L’ordine tedesco è particolarmente vantaggioso per Airbus, l’azienda europea colpita dalla pandemia di coronavirus.

 

I nuovi Tranche-3 Typhoon sono un aggiornamento significativo rispetto ai primi modelli Tranche-1 di base, con serbatoi di carburante conformi, cavi in fibra ottica e aggiornamento del computer, radar AESA, aggiornamenti del sistema difensivo. I radar AESA sono considerati cruciali per qualsiasi moderno caccia di 4.5 generazione.

 

Secondo quanto afferma Aerotime Hub, i 38 caccia Typhoon sono solo una prima parte dei velivoli ordinati da Berlino che sarebbero 93. 

 

Le decisioni sui restanti dovrebbero essere votate dal parlamento tedesco nel 2021. In qualità di membro dell'accordo di condivisione nucleare della NATO, la Germania deve mantenere una flotta di caccia in grado di effettuare un attacco nucleare.

 

Pare che la Germania abbia deciso di optare per i caccia Eurofighter Typhoon in luogo dei Super Hornet ed F-35 della Lockheed Martin per questioni inerenti la sovranità manifatturiera della difesa europea.

 

Uno dei motivi principali per cui la Germania ha scelto l'Eurofighter Typhoon rispetto all'F-35 è stato il desiderio di mantenere la proprietà intellettuale del velivolo, dei sistemi elettronici e delle armi all'interno del paese. L'Eurofighter-National Test & Evaluation Centre gli consentirà di fare proprio questo.

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Quando il bonus è un malus di Giuseppe Giannini Quando il bonus è un malus

Quando il bonus è un malus

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti