Musk annuncia: “i file sulla soppressione della libertà di parola saranno presto pubblicati su Twitter”

Musk annuncia: “i file sulla soppressione della libertà di parola saranno presto pubblicati su Twitter”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il miliardario Elon Musk ha annunciato, ieri, che "i file Twitter sulla soppressione della libertà di parola saranno presto pubblicati su Twitter. Il pubblico merita di sapere cosa è realmente accaduto", ha scritto sul suo status del social media.

La notizia arriva dopo che la piattaforma ha ripristinato l'account del rapper Kanye 'Ye' West e quello dell'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, sospeso l'8 gennaio 2021.

L'imprenditore, che il mese scorso ha assunto il controllo del social network, ha sottolineato che la disattivazione dell'account di un presidente in carica "ha minato la fiducia del pubblico nei confronti di Twitter in metà degli Stati Uniti".

Allo stesso modo, il magnate ha mostrato la sua delusione per l'attuale politica statunitense in materia di censura della rete. "La libertà di espressione è il fondamento di una forte democrazia e deve avere la precedenza. La mia preferenza per la presidenza del 2024 è una persona ragionevole e centrista. Mi aspettavo che fosse così con l'amministrazione Biden, ma finora sono rimasto deluso", ha lamentato.

Musk in guerra con Apple

L'uomo più ricco del mondo ha ufficialmente dichiarato guerra alla più grande azienda tecnologica del mondo. 

Musk ha accusato Apple di censura e pratiche monopolistiche in una serie di tweet, sostenendo  che la società "per lo più ha interrotto" la pubblicità su Twitter e chiedendosi se Apple e il suo CEO Tim Cook "odiano la libertà di parola in America". 

"Apple ha anche minacciato di escludere Twitter dal suo App Store, ma non ci dirà perché", ha twittato Musk, fornendo una ragione per le sue recenti critiche. 

Apple non ha risposto immediatamente alla richiesta di Insider di commentare i tweet di Musk.

Musk ha anche eliminato la commissione del 30% che Apple prende dalla maggior parte delle vendite tramite l'App Store dell'azienda, twittando una foto di un cartello stradale con due opzioni: "Paga il 30%" o "vai in guerra", con un'auto che sceglie "vai al percorso di guerra". 

Molte aziende più piccole hanno precedentemente criticato la commissione del 30% sull'App Store di Apple, ed è oggetto di una battaglia legale in corso tra il produttore di videogiochi "Fortnite" Epic Games e il gigante della tecnologia. 

Questa non è la prima volta che Musk critica l'App Store di Apple. A maggio, Musk aveva denunciato che la commissione del 30% era "letteralmente 10 volte superiore a quanto dovrebbe essere". 

Tuttavia, gli attacchi di ieri intensificano la faida tra Musk e Cook. Musk non ha evitato di criticare altri miliardari di alto profilo, twittando critiche ad altri magnati come Jeff Bezos e Bill Gates in passato. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti