Mirage francesi sul Mar Nero intercettati dai caccia Su-27 della Russia

Mirage francesi sul Mar Nero intercettati dai caccia Su-27 della Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Davvero la Russia ha una postura aggressiva tale da far temere gli altri paesi sue aggressioni? Forse si tratta più di una narrazione dei media mainstream occidentali, molto spesso smentita dai fatti. 

Come accaduto nella giornata di oggi quando due caccia russi Su-27 hanno intercettato un gruppo di aerei dell'aeronautica militare francese sul Mar Nero, secondo quanto riferito mercoledì dal Centro di controllo della difesa nazionale russo.

I radar russi hanno individuato obiettivi aerei sulle acque neutre del Mar Nero che si avvicinavano al confine di Stato della Russia, afferma la dichiarazione.

"Due caccia Su-27 delle forze di allarme di reazione rapida della difesa aerea dell'Air Force e dell'Esercito di difesa aerea del distretto militare meridionale sono stati richiamati per identificare gli obiettivi aerei e prevenire la violazione del confine di Stato russo", ha detto il Centro di controllo della difesa nazionale.

"Gli equipaggi dei caccia russi hanno identificato gli obiettivi aerei come un gruppo di aerei dell'aeronautica militare francese che consisteva in un velivolo di rifornimento aereo KC-135 e due aerei tattici Mirage 2000 e li hanno seguiti sul Mar Nero".

Non sono state consentite violazioni del confine di Stato russo, ha sottolineato il Centro.

"Dopo che l'aereo militare straniero si è allontanato dal confine di Stato della Russia, i combattenti russi sono tornati sani e salvi al loro aeroporto di origine. Il volo dei caccia russi è proceduto nel rigoroso rispetto delle regole internazionali sull'uso dello spazio aereo", ha detto il Centro di controllo della difesa nazionale.

I tentativi di violazione dello spazio aereo russo e i voli di velivoli spia nei pressi dei confini della Russia si susseguono praticamente senza soluzione di continuità. Quindi la domanda è: chi minaccia e mantiene una postura aggressiva?

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti