McDonald's ha spiato per anni i lavoratori impegnati

McDonald's ha spiato per anni i lavoratori impegnati

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un'intelligence di McDonald's ha spiato per anni i suoi lavoratori legati al movimento che cerca di aumentare il salario minimo a $ 15 l'ora, secondo quanto riportato dalla rivista Vice ieri, citando due ex dipendenti dell'azienda a conoscenza diretta delle tattiche di spionaggio dell'azienda.

Secondo il media, un team di analisti dell'intelligence degli uffici di McDonald's a Chicago e Londra si dedica al monitoraggio delle attività degli organizzatori di 'Fight for $ 15' (battaglia per i 15 dollari l'ora) in tutto il mondo, nonché scoprire quali dipendenti dell'azienda partecipano a questo movimento e con chi collaborano per organizzare scioperi, proteste o tentare di formare sindacati.

 

LEGGI: Piano contro mercato- Per un salario sociale di classe di Pasquale Cicalese;

 

Gli attivisti del movimento sono considerati da McDonald's come una minaccia alla sicurezza e vengono osservati anche attraverso l'uso di strumenti di monitoraggio dei social media.

Secondo i documenti ottenuti da Vice, il colosso del fast food mira a raccogliere "intelligence strategica" sulle "controparti" oltre che "su scenari politici difficili in mercati complessi che potrebbero causare interruzioni significative del business e impatto sul ritorno sugli investimenti".

In particolare, gli analisti indagano su domande come "quali scenari di rischio si manifesteranno nel 2021 e influenzeranno McDonald's" o "come e dove 'Fight for $ 15' attaccherà il marchio".

Un altro rapporto sulla "attività in corso di 'Fight for $ 15' contro McDonald's durante la crisi del covid-19" contiene una serie di punti chiave, nella quale un analista dell'intelligence riassume le attività degli attivisti sindacali e specifica anche quante proteste vengono celebrate di persona e quanti tramite Internet.

Secondo fonti di Vice, almeno dallo scorso anno McDonald's ha utilizzato i suoi analisti interni e due programmi software di raccolta dati per spiare i propri dipendenti. Inoltre, il team segreto ha cercato di ricostruire le liste di amici e le reti di lavoratori coinvolti nel movimento operaio utilizzando falsi account Facebook.

"L'idea era di scoprire la loro strategia, contrastarla e scoprire dove sono gli attori chiave e chi conoscono", ha spiegato un ex dipendente di McDonald's.

Diversi membri del team dell'intelligence non credevano che monitorare il movimento sindacale fosse etico, e alcuni addirittura dubitavano che fosse legale, secondo gli ex lavoratori.

 

Risposta di McDonald

Il portavoce di McDonald's Jesse Lewin ha descritto il post di Vice come una storia "carica di disinformazione" che riunisce "diverse informazioni per costruire una narrativa sensazionale che è imprecisa e fuorviante". 

"McDonald's non tollera ritorsioni di alcun tipo. Per essere chiari, nessuno dei lavori di business intelligence è legato ai rapporti di lavoro. Suggerire il contrario è completamente falso", ha detto Lewin, aggiungendo che la società "non ha mai utilizzato account di rete fasulli raccogliere informazioni attivamente, inclusa l'attività lavorativa. "

Tuttavia, il portavoce ha confermato che McDonald's ha un equipe "focalizzata sull'identificazione di potenziali minacce alla sicurezza che potrebbero danneggiare il team, gli affiliati e i clienti". Ad esempio, abbiamo la responsabilità di monitorare quelle attività di protesta del lavoro che possono avere lo scopo di interrompere le operazioni del ristorante che potrebbero mettere a rischio la sicurezza del team e del cliente", ha affermato Lewin. 

  • La campagna "Fight for $ 15" è nata nel 2012, quando i dipendenti di McDonald's a New York City hanno lasciato il lavoro chiedendo una paga di $ 15 l'ora e il diritto di formare un sindacato senza ritorsioni.
  • 'Fight for $ 15', che è affiliato con il secondo sindacato più grande degli Stati Uniti, Service Employees International Union (SEIU), si è rapidamente diffuso in tutto il paese ed è diventato uno dei movimenti sindacali di maggior successo, ottenendo l'approvazione di una legge per aumentare il salario minimo in California, New York, Massachusetts, Illinois, Maryland e Florida
  • Ad oggi, McDonald's ha rifiutato di negoziare con i lavoratori in quanto, secondo l'azienda, non sono suoi dipendenti perché lavorano per i franchising.

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti