Massacro di Sabra e Chatila. Gabriel Garcia Marquez: “Begin e Sharon, vincitori del 'Nobel della Morte'”

Massacro di Sabra e Chatila. Gabriel Garcia Marquez: “Begin e Sharon, vincitori del 'Nobel della Morte'”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi ricorre il quarantesimo anniversario della Strage di Sabra e Chatila, in Libano, dove 3600 tra palestinese e libanesi furono trucidati in 62 ore. Questo massacro fu compiuto dai falangisti libanesi con la complicità dell’esercito israeliano. Nuovi dettagli sono emersi su questa strage, come è stato spiegato in questo articolo. Qualche giorno dopo l’eccidio, lo scrittore colombiano Gabriel Garcia Marquez scrisse sul quotidiano spagnolo El Pais, un memorabile articolo, non solo di denuncia di questo massacro orribile. Il titolo emblematico di questo editoriale fu “Begin e Sharon, vincitori del 'Nobel della Morte” per denunciare la doppia morale dei emdia e delal politica sulla questione palestinese. Ci sono riferimenti che sembrano scritti per i giorni nostri.

di Gabriel Garcia Marquez – “Begin e Sharon, vincitori del 'Nobel della Morte”

[Qui il link originale. Traduzione de Lantidiplomatico]

La cosa più incredibile di tutte è che Menahem Beguin è un vincitore del Premio Nobel per la Pace. Ma è irrimediabilmente - anche se ora è difficile crederci - poiché fu concesso nel 1978, contemporaneamente ad Anwar el Sadat, allora presidente dell'Egitto, per aver firmato un separato accordo di pace a Camp David. Quella determinazione spettacolare costò a Sadat il ripudio immediato dalla comunità araba, e in seguito gli costò la vita. Per Begin, invece, ha consentito l'esecuzione metodica di un progetto strategico non ancora concluso. Ma che pochi giorni fa ha portato al massacro barbaro di oltre mille profughi palestinesi in un campo a Beirut. Se il Premio Nobel per la Morte fosse esistito, quest'anno lo stesso Menahem Beguin e il suo assassino professionista Ariel Sharon se lo sarebbero assicurato senza rivali per aver sterminato, prima, l'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), e poi stabilito nuovi insediamenti israeliani in Samaria e Giudea. Per quelli di noi di un'età che ci permettono di ricordare gli slogan dei nazisti, queste due proposte di Begin suscitano spaventose reminiscenze: la teoria dello spazio vitale, con cui Hitler proponeva di estendere il suo impero a mezzo mondo, e ciò che lui stesso chiamata soluzione finale del problema ebraico, che ha portato nei campi di sterminio più di sei milioni di esseri umani innocenti.

L'ampliamento dello spazio vitale dello Stato d'Israele e la soluzione definitiva del problema palestinese - come concepita oggi dal Premio Nobel per la Pace 1978 - è iniziata, nella notte del 5 giugno, con l'invasione del Libano da parte di forze militari israeliane specializzate nella scienza della demolizione e dello sterminio. Menachem Begin ha cercato di giustificare questa sanguinosa spedizione con due falsi argomenti. Il primo è stato il tentato omicidio dell'ambasciatore israeliano a Londra, Shlomo Argov, a fine maggio. Il secondo è stato il presunto bombardamento della Galilea da parte dell'OLP, al riparo in Libano. Begin ha attribuito l'attentato di Londra alla resistenza palestinese e ha minacciato una rappresaglia immediata. Ma Scotland Yard, in seguito, ha rivelato che i veri responsabili erano stati membri dell'organizzazione dissidente di Abou Nidal, che nei mesi precedenti aveva addirittura assassinato diversi capi dell'OLP. Per quanto riguarda il secondo argomento, si è presto scoperto che i palestinesi hanno sparato solo due o tre volte in Galilea, provocando un morto. I colpi sono stati sparati in rappresaglia per il bombardamento israeliano dei campi profughi palestinesi, che ha ucciso diverse centinaia di civili.

In realtà, la guerra spietata condotta da Begin sulla base di quei due pretesti non era una novità per i lettori del settimanale israeliano Haclam Haze, che riportava in dettaglio fin dal settembre 1981, cioè nove mesi prima. Contrariamente al detto che una guerra pianificata non uccide nessuno, le truppe israeliane - considerate tra le più efficaci e preparate al mondo - hanno ucciso quasi 30.000 civili palestinesi e libanesi nelle prime due settimane e hanno trasformato mezza città. Le sue perdite nello stesso periodo non avevano superato le trecento.

Ora la strategia di Begin è molto chiara. Distruggendo l'OLP, ha cercato di eliminare l'unico interlocutore palestinese che sembrava in grado di negoziare una pace fondata sull'installazione di uno Stato palestinese indipendente in Cisgiordania e Gaza, che lo stesso Begin ha proclamato come i territori ancestrali del popolo ebraico. Quell'accordo era alla portata dello scorso 4 luglio, quando Yasir Arafat, presidente dell'OLP, ha accettato il principio del riconoscimento reciproco dei popoli di Israele e Palestina, in un'intervista pubblicata da Le Monde,di Parigi, in quella data. Ma Begin ha ignorato quella dichiarazione, che ostacola i suoi progetti espansionistici già in pieno svolgimento, e ha continuato a stabilire una cintura di sicurezza attorno a Israele. Un cambio di governo in Siria potrebbe essere il passo immediato, con il conseguente prolungarsi di una guerra impari e spietata, le cui conseguenze finali sono imprevedibili.

Ero a Parigi lo scorso giugno quando le truppe israeliane hanno invaso il Libano. Per caso era lì anche l'anno prima, quando il generale Jaruzelsky stabilì il potere militare in Polonia contro l'evidente volontà della maggioranza del popolo polacco. E per caso c'ero anche io quando le truppe argentine sbarcarono alle isole Malvinas. Le reazioni dei media a questi tre eventi, così come quelle degli intellettuali e dell'opinione pubblica in generale, sono state per me una lezione inquietante. La crisi in Polonia ha prodotto una sorta di sconvolgimento sociale in Europa. Ho avuto la buona occasione di aggiungere la mia firma a quella di intellettuali e artisti molto selezionati e molto noti che hanno firmato l'invito per un omaggio all'eroismo del popolo polacco, che si è tenuto al Teatro dell'Opera di Parigi, patrocinato dal Ministero della Cultura francese. Tuttavia, alcuni anticomunisti di professione mi hanno pubblicamente accusato che mille proteste non fossero storiche come le loro. In quel clima passionale, ogni atteggiamento che non fosse manicheo era considerato ambiguo.

D'altra parte, quando le truppe israeliane invasero e insanguinarono il Libano, il silenzio fu quasi unanime anche tra i più esaltati Jeremía di Polonia, nonostante né il numero dei morti né l'entità dei danni ammettessero possibilità di confronto tra la tragedia dei due paesi. Inoltre: entro quella stessa data, gli argentini avevano recuperato le Isole Falkland, e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non ha aspettato 48 ore per ordinare il ritiro delle truppe, né la Comunità Economica Europea ha pensato troppo a lungo per imporre sanzioni commerciali all'Argentina. Invece, in quell'occasione né lo stesso organismo né un altro delle sue dimensioni hanno ordinato il ritiro delle truppe israeliane dal Libano. L'amministrazione Reagan, ovviamente, era la complice più utile della banda sionista. Infine, la quasi inconcepibile prudenza dell'Unione Sovietica e la fraterna frammentazione del mondo arabo completarono le condizioni propizie per il folle messianismo di Begin e la barbarie bellicosa del generale Sharon. Ho molti amici, le cui voci forti possono essere ascoltate dall'altra parte del mondo, che avrebbero voluto e senza dubbio vorrebbero ancora esprimere la loro indignazione per questa festa del sangue, ma alcuni di loro confessano tranquillamente che non osano per paura di essere etichettati come antisemiti. Non so se sono consapevoli di cedere - a prezzo delle loro anime - a ricatti inammissibili.

La verità è che nessuno è stato solo come il popolo ebraico e il popolo palestinese in mezzo a tanto orrore. Dall'inizio dell'invasione del Libano, a Tel Aviv e in altre città sono iniziate manifestazioni di protesta popolare, che non si sono ancora concluse e che lo scorso fine settimana avevano raggiunto una forza eclatante. C'erano più di 400.000 israeliani che proclamavano per le strade che questa guerra sporca non è la loro perché è molto lontana dall'essere quella del loro dio, che per tanti secoli si era compiaciuto della convivenza di palestinesi ed ebrei sotto lo stesso cielo. In un paese di tre milioni di abitanti, una manifestazione di 400.000 persone equivarrebbe in proporzione a una dei quasi trenta milioni di Washington.

È con quella protesta interna che mi sento identificato ogni volta che sento le notizie sulle ostilità dei Principianti e degli Sharon in Libano, e in qualsiasi parte del mondo, e ad essa voglio aggiungere la mia voce di scrittore solitario per il grande affetto e l'immensa ammirazione che provo per un popolo che non ho incontrato sui giornali di oggi, ma nella lettura stupita della Bibbia. Non ho paura del ricatto dell'antisemitismo, non ho mai temuto il ricatto dell'anticomunismo professionale, che vanno insieme e talvolta si arrampicano, e provocano sempre simili scompigli in questo mondo infelice.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti