Macché "casacca alla Mao"!

Macché "casacca alla Mao"!

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Adriano Màdaro

Ecco un (piccolo) esempio, ma molto istruttivo, di come vengono travisate le notizie sulla Cina. Perfino le più comuni, apparentemente di poco valore, ma significative dell'ignoranza, della retorica, delle bugie e soprattutto dei pregiudizi occidentali - massimamente americani - che influiscono sull'incomprensione nei confronti di questa Cina da incriminare.

Ieri sera perfino il TG1 ha fatto la classica scivolata. Ma a dire il vero per l'intera giornata, a commento della celebrazione in piazza Tian'anmen del centenario del Partito comunista cinese , si è detto e ripetuto - con piglio sagace di chi scopre gli altarini - che il presidente Xi Jinping si è affacciato dalla tribuna della Porta Celeste indossando "la casacca alla Mao". Ovviamente l'abbaglio si è subito diffuso in tutto l'Occidente, ansioso di "leggere" in quella "casacca alla Mao" un ritorno bellicoso della Cina maoista, della quale Xi Jinping - vestito in quel modo - si sarebbe autoproclamato, con il linguaggio delle immagini, il nuovo Grande Timoniere.

Calmi! Calmi tutti! Quella giacca intanto non è una casacca, ma insieme ai pantaloni costituisce l'abito ufficiale dei nazionalisti cinesi, comunisti compresi. Vi sembrerà strano, ma è così da  110 anni, dal 1911 quando il famoso rivoluzionario Sun Yatsen, fondatore del partito nazionalista del Kuomintang, scelse quella giacca come abito civile per sé e per tutti i funzionari repubblicani, simbolo dell'abbattimento dell'Impero.
E così fece suo cognato Chiang Kaishek quando nel 1925, alla   morte di Sun, "ereditò" il partito nazionalista e divenne presidente della Cina. Mantenne lo stesso abito, identico a quello scelto dai rivoluzionari comunisti, cominciando da Mao Zedong che non se ne separò mai fino alla morte, come fecero prima di lui Sun Yatsen e Chiang Kaishek.

Quindi vorrei sottolineare come perfino da una innocua giacca indossata indifferentemente dagli uni e dagli altri, soprattutto da Chiang Kaishek e da Mao Zedong, avversari tenaci, si diano interpretazioni farlocche alla complicata, intelligente, a volte incomprensibile politica cinese. Basterebbe questo fatterello a squalificare i cosiddetti "China watchers", inviati, corrispondenti o esperti che essi siano.
E come ciliegina metto sulla torta alcune foto: i tre "casaccari" (Sun, Chiang, Mao) e due foto altamente significative di Chiang Kaishek e Mao Zedong - vestiti uguali - scattate nel 1946 a Chongqing al termine degli incontri per concordare una strategia bellica comune contro gli invasori giapponesi.
Quindi attenzione! E' l'ideale nazionalista di una patria indivisa e indipendente che guida da oltre un secolo sia il Kuomintang che il Gongchangtan, ovvero il Partito comunista, del quale ieri 1°luglio si è celebrato il centenario.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti