L'uomo più ricco dell'Africa vuole cambiare "le regole del gioco" del mercato petrolifero

L'uomo più ricco dell'Africa vuole cambiare "le regole del gioco" del mercato petrolifero

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Aliko Dangote, l'uomo più ricco d'Africa, prevede di investire 15 miliardi di dollari nella costruzione di una delle più grandi raffinerie del mondo, che può "cambiare le carte in tavola" nel mercato regionale dell'approvvigionamento petrolifero, secondo Bloomberg.


 
In questo modo, il miliardario nigeriano consentirà al suo paese di soddisfare il proprio fabbisogno di carburante, oltre a esportarlo nei paesi vicini, secondo la pubblicazione. Allo stesso modo, il funzionamento dell'impianto aumenterà il prodotto interno lordo (PIL) del Paese del 2,3% , secondo le stime della società di investimento Renaissance Capital nel 2018.
 
Bloomberg spiega che si tratta del più grande progetto industriale nella storia della Nigeria, che includerà non solo la raffineria, ma anche un processore di gas e un impianto di ammoniaca e urea, che sarà il più grande al mondo. L'impianto petrolifero sarà in grado di processare 650.000 barili al giorno e avrà anche una colonna di distillazione per separare il greggio in diversi combustibili, che diventeranno i più grandi al mondo.
 
Dopo la sua costruzione, la raffineria potrà impiegare più di 70.000 persone , ha affermato il governatore della Banca centrale della Nigeria, Godwin Emefiele.
 
"Cambiare il gioco" nel mercato
 
In questo contesto, Devakumar Edwin, direttore esecutivo del complesso, ha ammesso che i rischi e le sfide riguardanti il ??progetto "sono alti", ma "anche i risultati sono alti". "In quanto simbolo del progresso nigeriano , [la raffineria] è piuttosto importante", ha affermato Charles Robertson, capo economista di Renaissance Capital, mentre Jeremy Parker, analista di Citac consulting, specializzato in affari legati al petrolio in Africa, ha affermato che si tratta di "lo sviluppo rivoluzionario dell'offerta [di greggio] regionale".
 
Si segnala che la data per la realizzazione dell'ambizioso progetto era già stata posticipata : al 2016, 2019 e ora al 2021. Allo stesso tempo, Citac stima che sia improbabile che la raffineria inizi a funzionare prima del 2023.

Il completamento di questo  progetto è pianificato mentre il Paese affronta una crisi a causa della pandemia, la caduta del prezzo del petrolio, e da marzo ha già subito due svalutazioni della sua moneta. Secondo il Fondo monetario internazionale, l'economia del Paese perderà quest'anno il 5,4%.
 
 
 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti