L'Ucraina ha perso tre carri armati Leopard in un tentativo di contrattacco notturno

L'Ucraina ha perso tre carri armati Leopard in un tentativo di contrattacco notturno

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La tanto attesa e invocata - in occidente - controffensiva dell’Ucraina è partita. Il regime di Kiev sta utilizzando anche i super acclamati tank Leopard che avrebbero dovuto essere dei veri e propri game-changer capaci di ribaltare le sorti delle ostilità. Ma dietro la coltre della fitta propaganda occidentale possiamo scorgere una realtà ben diversa. 

Le Forze Armate dell'Ucraina (AFU) hanno perso oltre 30 carri armati, tra cui tre Leopard, durante un tentativo di offensiva notturna a Zaporizhzhya. Il colonnello generale Aleksandr Romanchuk, comandante del raggruppamento delle Forze Armate russe nella direzione di Zaporizhzhya, ha spiegato:

"L'offensiva nemica è stata preceduta da una potente preparazione di fuoco, il nemico ha colpito con aerei, razzi e artiglieria le posizioni delle nostre truppe", ha dichiarato. Secondo quanto affermato dal militare, le Forze Armate ucraine hanno lanciato un'offensiva alle 2 del mattino, ma sono state individuate.

Romanchuk ha chiarito che l'esercito ucraino ha subito le prime gravi perdite quando è entrato nei campi minati. In totale, a causa degli attacchi aerei e di artiglieria russi, le Forze Armate ucraine hanno perso fino a 350 persone, oltre 30 carri armati e più di 10 veicoli da combattimento di fanteria.

In precedenza, il capo ad interim della Regione di Zaporizhzhya, Yevhen Balitskyy, aveva dichiarato che le Forze armate ucraine non sono riuscite a portare a termine la loro offensiva nella regione. Ha osservato che l'esercito ucraino ha continuato a colpire il territorio della regione di Zaporizhzhya. Allo stesso tempo, Balitskyy ha sottolineato che le perdite delle forze russe "si misurano in unità".

Come avevano anticipato diversi esperti militari, anche occidentali come Scott Ritter e il colonnello McGregor, la controffensiva potrebbe risolversi in un bagno di sangue per il regime di Kiev. Ma l’occidente ne ha bisogno per giustificare l’invio di armi e aiuti economici all’Ucraina, quindi i soldati del regime di Kiev vengono utilizzati come carne da macello. Vittime sacrificali sull’altare del profitto del complesso militare-industriale statunitense. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti