L’Iran avvisa il G7: attenzione alle “decisioni non costruttive”

L’Iran avvisa il G7: attenzione alle “decisioni non costruttive”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I ministri degli Esteri del G7 – composto da Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti – si incontreranno oggi a Capri con diversi fronti diplomatici aperti, compresa la situazione nella regione dell’Asia occidentale.

L'ambasciata iraniana a Roma ha rilasciato una dichiarazione, mettendo in guardia il gruppo dal prendere "decisioni non costruttive" nei confronti dell'Iran.

Questo approccio e il sostegno alle azioni di Israele "incoraggeranno il regime a continuare la sua malvagità e il suo avventurismo e, di conseguenza, porteranno all'intensificazione delle tensioni nella regione e nel mondo ", si legge nella nota.

Il testo invita l'Italia ad adoperarsi per responsabilizzare i partner europei e internazionali riguardo "la violazione del diritto internazionale, l'escalation deliberata delle tensioni nella regione e la continua uccisione del popolo palestinese oppresso da parte del regime israeliano".

La missione diplomatica iraniana ha denunciato che, negli ultimi anni, “il regime israeliano, violando palesemente i principi fondamentali del diritto internazionale e le norme imperative, ha leso gli interessi della Repubblica islamica in vari modi, compresi numerosi sabotaggi presso impianti nucleari con scopi pacifici e attacchi informatici alle infrastrutture del paese, l’assassinio selettivo di un gran numero di esperti e scienziati nucleari e, nell’ultimo caso, l’attacco terroristico armato contro l’ambasciata iraniana a Damasco, la capitale della Siria.”

L'ambasciata iraniana ricorda che, nonostante la richiesta dell'Iran di una riunione d'emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC), l'organismo non ha accettato di tenere una riunione sull'aggressione israeliana, data l'opposizione di Stati Uniti e Francia.

Successivamente, prosegue la nota, le forze armate iraniane hanno esercitato il loro legittimo diritto alla difesa, sancito dall'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, e hanno lanciato "True Promise", la loro vasta operazione con droni e missili contro Israele.

"È ovvio che la Repubblica islamica dell'Iran utilizzerà tutto il suo potere e le sue capacità nel quadro delle leggi e delle norme internazionali contro il possibile ripetersi del male di quel regime", si legge nella nota.

-------------

L'AntiDiplomatico e LAD edizioni sono impegnati a sostenere l'associazione "Gazzella", in prima linea nel sostegno della popolazione di Gaza. 

Con l'acquisto di "Il Racconto di Suaad" (Edizioni Q - LAD edizioni) dal nostro portale, finanzierete le attività di "Gazzella".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti