L'intervista rimossa da Der Spiegel alla civile ucraina evacuata da Azovstal (sottotitoli in italiano)

L'intervista rimossa da Der Spiegel alla civile ucraina evacuata da Azovstal (sottotitoli in italiano)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il giornalismo "serio" occidentale, quello che vi ha venduto le barbarie del neo-liberismo come civiltà e le guerre della Nato come democrazia, ha raggiunto sul conflitto in Ucraina l'apoteosi finale.

In Italia è noto come sia stata la coraggiosa inchiesta di Report a rompere lo squarcio di menzogne con un servizio sulle testimonianze dirette nella città di Mariupol che mostrava i nazisti Azov per quello che sono, nazisti, e il senso di liberazione della popolazione civile all'arrivo delle truppe delle repubbliche del Donbass. In Germania la stessa cosa era stata fatta dal Der Spiegel attraverso un video Reuters che mostrava il racconto in prima persona di una civile evacuata dall'ultima sacca di resistenza dei nazisti Azov, l'acciaieria Azovstal. 

Accortosi dell'"errore", l'editore decide di togliere il video.

Citando "discrepanze nei contenuti", la rivista tedesca Der Spiegel ha rimosso il video che mostrava la testimonianza di una testimone diretta dalla fabbrica "Azovstal" di Mariupol, una roccaforte dei militanti neonazisti Azov e di altri combattenti ucraini.

La donna nel video aveva rivelato che la sua famiglia era stata sostanzialmente raggirata, tenuta in ostaggio e usata come scudo umano.

Un altro quotidiano tedesco, Junge Welt, ha notato la cancellazione giovedì sera e lo ha denunciato.



LEGGI:

NO allo scioglimento forzato della Commissione esteri. "E' un'onta indelebile per la pace e la democrazia": boom di email arrivate ai senatori coinvolti



Secondo JW, Der Spiegel ha pubblicato lunedì il video di tre minuti. Presentava Natalia Usmanova, che aveva lavorato ad Azovstal prima del conflitto e vi si era rifugiata con suo marito e i suoi figli.

Nella registrazione, Usmanova diceva ai giornalisti che i militanti di Azov "ci hanno tenuti nel bunker" per due mesi e non hanno permesso alla sua famiglia di andarsene usando i corridoi umanitari stabiliti dalle truppe russe. "Si sono nascosti dietro il fatto che erano preoccupati per la nostra sicurezza", ha detto Usmanova, secondo una traduzione tedesca, aggiungendo che la sua famiglia era continuamente intimata di "Torna al bunker!"

"L'Ucraina è morta per me come stato", concludeva la donna.

Der Spiegel ha affermato di aver ottenuto il video da Reuters e che è stato temporaneamente rimosso "a causa di discrepanze nei contenuti che sono state successivamente scoperte". Alla domanda di specificare le presunte discrepanze da RIA Novosti, Der Spiegel ha affermato che erano "ancora in procinto di chiarire questo problema".



 

LEGGI I CRIMINI DI GUERRA DELLA GIUNTA DI KIEV DI ENRICO VIGNA (ZAMBON)

 

Il video pubblicato da Reuters dura solo un minuto, però, e vede Usmanova parlare dell'intensità del fuoco dell'artiglieria e della difficile vita all'interno del bunker. Entrambi i video provengono dalla stessa intervista con più organi di stampa, tra cui RIA Novosti, che ha confermato l'autenticità delle osservazioni di Usmanova.

Al posto del video, la rivista tedesca ora presenta una foto di Usmanova su un autobus con altri civili, scattata da un fotografo di RIA Novosti.

La testimonianza di Usmanova contraddice direttamente le affermazioni dei militanti dell'Azov e del governo di Kiev (ripetute H24 dai media filo Nato italiani) secondo cui la Russia sta impedendo l'evacuazione dei civili dal complesso dell'Azovstal. 

 

P.s. Dal canale Telegram Vento dell'Est la testimonianza tradotta in italiano della donna:

 

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano" di Francesco Santoianni Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi? di Savino Balzano Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi?

Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi?

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

L'attacco al salario e il golpe del 1992 di Pasquale Cicalese L'attacco al salario e il golpe del 1992

L'attacco al salario e il golpe del 1992

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO di Gilberto Trombetta DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti