"Legittima difesa". Il Pentagono giustifica massacro di donne e bambini in Siria del 2019

"Legittima difesa". Il Pentagono giustifica massacro di donne e bambini in Siria del 2019

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Pentagono ieri ha giustificato, con il suo cinismo consueto, i due attacchi aerei lanciati nel marzo 2019 vicino alla città siriana di Baguz che uccise decine di donne e bambini.

Sabato scorso, il quotidiano The New York Times ha pubblicato un'inchiesta, secondo la quale, il Pentagono ha nascosto gli attacchi. E non solo, ha impedito che venisse condotta un'indagine indipendente.

A seguito della pubblicazione di questo rapporto, il portavoce del Comando Centrale degli Stati Uniti, Bill Urban, ha dichiarato alla BBC che "quei due attacchi erano di legittima difesa", pur sostenendo che al momento del loro lancio, le truppe statunitensi erano sicure che non ci fossero civili nella zona dei bombardamenti.

Urban ha affermato che i militari sono venuti a conoscenza della presenza di civili nell'area solo dopo  gli attacchi, durante la revisione di un video ripreso da un drone di un paese alleato. 

La registrazione ha permesso di stabilire che gli attacchi hanno ucciso 16 combattenti dello Stato Islamico e quattro civili, ma non è stato possibile "caratterizzare in modo definitivo la situazione di oltre 60 vittime in più".

"La ragione di questa incertezza è che nel video sono state osservate diverse donne armate e almeno un bambino armato, e l'esatto mix di personale armato e disarmato non può essere determinato in modo definitivo. È probabile che la maggior parte delle persone uccise fossero anche combattenti nel momento dell'attacco, ma è anche molto probabile che ci siano stati più civili uccisi da questi due attacchi", ha provato a giustificare il portavoce del Pentagono.

Secondo Urban, un'indagine ha concluso che "quei due attacchi erano legittimi ed effettuato per legittima difesa" e che "un'azione disciplinare non era giustificata". Allo stesso tempo, il portavoce non ha commentato l'accusa del quotidiano newyorkese di insabbiamento dell'indagine condotta dall'ufficio dell'ispettore generale del Dipartimento della Difesa.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti