Le repubbliche di Donetsk e Lugansk chiedono riconoscimento della Russia. Putin ne discute al Consiglio di Sicurezza

Le repubbliche di Donetsk e Lugansk chiedono riconoscimento della Russia. Putin ne discute al Consiglio di Sicurezza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il capo dell'autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk (DPR), Denis Pushilin, ha fatto appello al presidente russo Vladimir Putin chiedendogli di riconoscere l'indipendenza della DPR. Lo riporta RIA Novosti.

“Al fine di determinare la personalità giuridica internazionale e, di conseguenza, la possibilità di una vera e propria opposizione all'aggressione militare delle autorità ucraine, per prevenire vittime tra i civili, la distruzione delle infrastrutture e del patrimonio abitativo, per conto del intero popolo della Repubblica popolare di Donetsk, vi chiediamo di riconoscere la Repubblica popolare di Donetsk come uno Stato indipendente, democratico, legale e sociale”, ha affermato in un discorso televisivo.

Inoltre, Pushilin si è rivolto al leader russo con la richiesta di considerare la possibilità di concludere un accordo di amicizia e cooperazione, prevedendo una cooperazione nel campo della difesa.

Nel frattempo, anche il capo dell'autoproclamata Repubblica popolare di Lugansk (Lpr), Leonid Pasechnik, ha chiesto al presidente russo di riconoscere l'indipendenza dell'entità che guida. Chiede, tra l'altro, di valutare la possibilità di concludere un accordo di amicizia e cooperazione tra LPR e Federazione Russa.

Un’apertura arriva dal partito di Putin Russia Unita. I deputati alla Duma del partito di governo hanno accettato di sostenere l’appello proveniente da Donetsk, secondo quanto informa Ria Novosti. 

Il presidente russo Vladimir Putin ha convocato una riunione del Consiglio di sicurezza del Paese sul riconoscimento delle autoproclamate Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk (DPR e LPR). 

L'incontro sarà trasmesso sul portale Watch.ru.

Aprendo la riunione del Consiglio di Sicurezza, Putin ha chiarito di aver deciso di discutere l'appello dei capi della DPR e della LPR sul riconoscimento dell'indipendenza delle repubbliche e l'appello della Duma di Stato su questo tema. Secondo lui, questo problema è strettamente connesso con i problemi globali di garantire la sicurezza nel mondo e in Europa in particolare.

“La crisi in Ucraina - ha dichiarato Putin - è legata ai nostri interessi di sicurezza”. E affermato inoltre che “Kiev ha maltrattato le persone che ci vivono (Donbass ndr) in tutti questi anni. E non ha intenzione di attuare gli accordi di Minsk”. 

La Russia, spiega Putin, si prepara ad affrontare qualsiasi evenienza e assicurare la propria sicurezza di fronte a ogni potenziale minaccia, come lo sarebbe l’ingresso dell’Ucraina nella NATO. “Se la Russia dovesse affrontare una minaccia come quella dell'ingresso dell'Ucraina nella Nato, la minaccia per il nostro Paese aumenterà. E garantire la sicurezza è una priorità per il nostro Paese”. 

Lo scorso 15 febbraio i deputati della Duma di Stato di Russia, con una votazione, hanno deciso di rivolgersi subito a Putin con la questione della necessità di riconoscere il DPR e l'LPR. 351 parlamentari votarono a favore della bozza di risoluzione su un ricorso immediato al capo dello Stato.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli