Le menzogne sull'ospedale Al-Shifa ricordano quelle antecedenti l'invasione dell'Iraq

Le menzogne sull'ospedale Al-Shifa ricordano quelle antecedenti l'invasione dell'Iraq

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Max Jones* - Scheerpost

Le affermazioni prive di prove che hanno inondato i media sull'uso da parte di Hamas dell'ospedale Al-Shifa di Gaza come quartier generale militare ricordano le bugie di intelligence altrettanto devastanti che precedettero l'invasione statunitense dell'Iraq.

Nelle settimane precedenti all'irruzione delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) nell'ospedale di Al-Shifa, il più grande ospedale di Gaza, l'IDF "ha fatto di tutto per dipingere il complesso medico come un quartier generale di Hamas, da dove venivano pianificati gli attacchi contro Israele", secondo il Guardian. 

Gli Stati Uniti hanno sostenuto di aver prodotto una propria intelligence che conferma questa affermazione. Il portavoce della sicurezza nazionale John Kirby ha dichiarato giovedì ai giornalisti che "abbiamo informazioni che confermano che Hamas sta usando quell'ospedale in particolare per una modalità di comando e controllo" e probabilmente per immagazzinare armi. 

Secondo quanto riportato dalla Reuters, "[Kirby] ha detto che gli Stati Uniti hanno informazioni che Hamas e la Jihad islamica palestinese utilizzano alcuni ospedali nella Striscia di Gaza, tra cui Al Shifa, per nascondere o sostenere le loro operazioni militari e per tenere ostaggi".

Nonostante Kirby abbia affermato che le informazioni provengono da vari metodi di intelligence, gli Stati Uniti non hanno fornito alcuna prova per verificare che l'ospedale sia utilizzato da Hamas. 

In nome dell'eliminazione di una rete di Hamas apparentemente inesistente dall'ospedale, l'IDF ha creato quello che Amnesty International ha definito "un cimitero di bambini".

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che il team di valutazione delle Nazioni Unite che ha analizzato l'ospedale ha concluso che il complesso è diventato una "zona di morte". Il team ha trovato "una fossa comune all'ingresso dell'ospedale e gli è stato comunicato che più di 80 persone sono state sepolte lì". Inoltre, l'OMS ha riferito che: 

"La mancanza di acqua potabile, di carburante, di medicinali, di cibo e di altri aiuti essenziali nelle ultime 6 settimane ha fatto sì che l'ospedale Al-Shifa - un tempo il più grande, il più avanzato e il meglio attrezzato ospedale di riferimento di Gaza - abbia sostanzialmente smesso di funzionare come struttura medica... L'ospedale Al-Shifa non può più ricoverare i pazienti, e i feriti e i malati vengono ora indirizzati all'ospedale indonesiano, gravemente sopraffatto e a malapena funzionante".

"La stragrande maggioranza dei pazienti è vittima di traumi di guerra, tra cui molti con fratture e amputazioni complesse, ferite alla testa, ustioni, traumi al torace e all'addome, e 29 pazienti con gravi lesioni spinali che non sono in grado di muoversi senza assistenza medica. Molti pazienti traumatizzati hanno ferite gravemente infette a causa della mancanza di misure di controllo delle infezioni nell'ospedale e dell'indisponibilità di antibiotici".

L'IDF ha recentemente pubblicato un video in cui il tenente colonnello Jonathan Conricus "espone le innumerevoli armi che le truppe dell'IDF hanno scoperto nell'edificio della risonanza magnetica dell'ospedale Shifa". Il video mostra Conricus che accompagna un cameraman attraverso la sala della risonanza magnetica mentre indica quelle che, secondo l'IDF, sono armi e attrezzature di Hamas. 

Secondo il Guardian, "l'IDF ha accusato Hamas... di aver nascosto prove che confermerebbero che l'organizzazione ha usato l'ospedale come centro di comando e controllo". Un portavoce dell'IDF ha dichiarato che "Hamas ha persistentemente lavorato per nascondere le infrastrutture e occultare le prove". Nonostante i presunti tentativi di Hamas di nascondere le prove, le armi e le attrezzature sparse nella sala della risonanza magnetica nel video dell'IDF sono estremamente visibili e non sembrano affatto nascoste. 

Conricus cita anche la distruzione delle telecamere di sicurezza come prova che Hamas sta usando l'ospedale per condurre operazioni militari. Mentre sarebbe nell'interesse di Hamas impedire qualsiasi registrazione dell'uso dell'ospedale come quartier generale, sarebbe anche nell'interesse dell'IDF distruggere qualsiasi filmato che li ritragga mentre piazzano le "prove" offerte nel video. 

Secondo Julian Borger del Guardian: 

"Un'analisi della BBC ha scoperto che il filmato di un portavoce dell'IDF che mostrava l'apparente scoperta di una borsa contenente una pistola dietro una macchina per la risonanza magnetica, era stato registrato ore prima dell'arrivo dei giornalisti a cui avrebbe dovuto mostrarlo".

"In un video mostrato successivamente, il numero di armi nella borsa era raddoppiato. L'IDF ha asserito che il video di ciò che ha trovato all'ospedale era inedito, girato in un'unica ripresa, ma l'analisi della BBC ha rilevato che era stato modificato".

I video sono mostrati di seguito.

Inoltre, gli utenti di X, precedentemente noto come Twitter, hanno esaminato l'affermazione dell'IDF secondo cui il video era inedito, chiedendo perché il video originale pubblicato dall'IDF sia stato cancellato e poi ripubblicato, con la versione ripubblicata più corta dell'originale.

La sezione del video originale in cui Conricus si vanta di aver trovato le foto di un ostaggio catturato da Hamas su un computer portatile è stata tagliata nella versione attuale dell'IDF.

 

 

Anche se il video non viene messo in scena, le Convenzioni di Ginevra, sottoscritte da Israele nel 1951, vietano severamente l’azione militare contro gli ospedali a meno che “non vengano utilizzati per commettere, al di fuori dei loro doveri umanitari, atti dannosi per il nemico”. Secondo Borger, “Questa eccezione, enunciata nell'Articolo 19 della quarta Convenzione di Ginevra, stabilisce specificamente: '...la presenza di armi leggere e munizioni prelevate a tali combattenti e non ancora consegnate al servizio appropriato, non sarà considerata come agisce dannoso per il nemico.'” (il corsivo è mio) 

L'IDF ha anche scoperto un ingresso a quello che sostengono essere un tunnel di Hamas presso l'ospedale Al-Shifa. Secondo il New York Times , i funzionari israeliani “affermavano” che il tunnel “era la prova… di una struttura militare di Hamas sotto l’ospedale”. Un comandante ha tuttavia ammesso al Times che "le forze, temendo trappole esplosive, non si erano avventurate lungo il tunnell". 

Nell'articolo di Borger per The Guardian, solleva la possibilità se Israele sia stato coinvolto o meno nella costruzione di questa area sotterranea. Borger afferma, 

“Ci sono dubbi su quanto la presentazione grafica della rete sotto al-Shifa fosse basata su ciò che Israele già sapeva; il suo stesso architetto aveva costruito lì un’ampia area sotterranea l’ultima volta che Israele occupò direttamente Gaza, fino al 2005”.

Norman Finkelstein, autore e accademico che ha scritto ampiamente su Israele/Palestina, ha sottolineato la strana natura di un esercito avanzato come l’IDF che teme le “trappole esplosive”. Finkelstein ha ipotizzato di credere che Israele alla fine disattiverà le trappole esplosive “dopo aver finito di costruire il tunnel”.

Secondo la Reuters, “Le forze israeliane hanno circondato l’ospedale Al Shifa di Gaza City, il più grande dell’enclave, che secondo loro si trova in cima a un quartier generale sotterraneo dei miliziani di Hamas”.

“Hamas, il gruppo islamico al potere di Gaza, nega la presenza di combattenti e afferma che 650 pazienti e altri 5.000-7.000 civili sono intrappolati all'interno dell'area dell'ospedale, sotto il fuoco costante di cecchini e droni. Si dice che negli ultimi giorni siano morti 40 pazienti, inclusi tre bambini prematuri le cui incubatrici sono state messe fuori uso”.

Borger conclude il suo pezzo con un inquietante confronto storico: “L’assenza di prove finora sta cominciando a ricordare i passati fallimenti dell’intelligence statunitense, in modo più drammatico quelli precedenti all’invasione dell’Iraq”. 

Traduzione de l'AntiDiplomatico

*Scrittore e produttore video in forza a ScheerPost. Laureato con lode alla University of Southern California, dove ha studiato comunicazione e sceneggiatura, dopo la University of Southern California sta seguendo il suo progetto di diventare regista e sceneggiatore indipendente e giornalista presso ScheerPost. Ha trattato vari argomenti sia nel suo web show Journalists for Sale che nella scrittura, concentrandosi soprattutto sui temi della libertà di parola, della guerra dell'informazione e della politica estera.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti