Lavrov avverte che terroristi travestiti da "rifugiati" stanno cercando di infiltrarsi nei paesi vicini

Lavrov avverte che terroristi travestiti da "rifugiati" stanno cercando di infiltrarsi nei paesi vicini

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

A margine della conferenza sul vicinato afgano a Teheran, il ministro degli Esteri russo ha affermato che "i gruppi terroristici internazionali, tra cui al-Qaeda e Daesh, in Afghanistan sono manipolati dall'estero".

Ha sottolineato: "Ovviamente, senza una lotta decisiva contro la produzione e il contrabbando di droga e contro i gruppi terroristici internazionali, che si accalcano in Afghanistan e vengono manipolati dall'esterno, è difficilmente possibile plasmare una normale politica estera, specialmente con i Paesi vicini, che sono principalmente presi di mira da queste forze distruttive."

Ha aggiunto che "la Russia ha intenzione di utilizzare tutti i meccanismi internazionali e regionali a sua disposizione a questo proposito, comprese le risorse delle Nazioni Unite, l'Organizzazione di Cooperazione di Shanghai, l'Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva e altri accordi multilaterali.
Lavrov ha anche detto che "l'ordine del giorno è ora di fermare e controllare i flussi migratori dall'Afghanistan", poiché "sotto l'etichetta di rifugiati, elementi terroristici e criminali possono, e stanno già cercando di infiltrarsi nei paesi vicini".

Il ministro degli Esteri russo ha concluso che "questo obiettivo può essere raggiunto solo creando condizioni di vita normali in Afghanistan", sottolineando che "in futuro, questo diventerà un presupposto importante per il graduale ritorno degli afghani nella loro patria".

Il giornale statunitense "The New York Times" ha dichiarato alla fine di agosto che "Daesh e al-Qaida possono ancora creare scompiglio in Afghanistan, e competono per il reclutamento e i finanziamenti".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Chi minaccia la pace in Ucraina?   di Bruno Guigue Chi minaccia la pace in Ucraina?

Chi minaccia la pace in Ucraina?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

27 gennaio e Ucraina: celebrare la smemoria del tempo di Antonio Di Siena 27 gennaio e Ucraina: celebrare la smemoria del tempo

27 gennaio e Ucraina: celebrare la smemoria del tempo

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

La crisi in Ucraina spiegata a due adolescenti di Roberto Cursi La crisi in Ucraina spiegata a due adolescenti

La crisi in Ucraina spiegata a due adolescenti