L'attentato al giornalista russo Solovjov e la solita figuraccia della stampa italiana

L'attentato al giornalista russo Solovjov e la solita figuraccia della stampa italiana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In Italia non è stato dato degno risalto all’attentato al famoso giornalista Vladimir Solovjov.

Fosse successo al cosiddetto “oppositore” Navalnij, a quest’ora saremmo inondati notte e giorno da giornaliere notizie in prima pagina, dettagliate e ripetute fino alla nausea, com’è accaduto col suo falso avvelenamento. 

Purtroppo si tratta di Solovjov, definito dalla propaganda angloamericana “oligarca e propagandista amico intimo di Putin” – la parola oligarca deve fare per forza il paio con Putin, per continuare ad alimentare la narrazione imposta.

Solovjov non è un oligarca, ma il giornalista più noto in Russia, che col suo lavoro si è guadagnato i mezzi con cui ha acquistato una villa in Italia.  L’immobile gli è stato recentemente confiscato dallo Stato italiano semplicemente in base alle illegali sanzioni imposte dall’Ue e Stati Uniti ai cittadini russi. L’incendio appiccato alla villa fu ad opera di ucraini, a detta del professionista.

Ora è giunta notizia di un altro attentato, ma in Russia, ben più grave perché mirava all’eliminazione fisica del giornalista, troppo scomodo perché alla tv russa da 8 anni giornalmente illustra gli avvenimenti in Ucraina.

Il 25 aprile a Mosca i Servizi Segreti russi (FSB) hanno arrestato 6 neonazisti russi, con prove incontrovertibili. La dichiarazione venne fatta dal presidente russo Putin: “Questa mattina gli organi dell’FSB hanno posto fine all’attività di un gruppo terroristico che pianificava l’assalto e l’uccisione di uno dei più noti telegiornalisti russi”. Dopo pochi minuti l’FSB rivelò che si trattava di Vladimir Solovjov che l'omicidio era stato ordinato dal Servizio di Sicurezza dell'Ucraina (SBU) e dal presidente ucraino Zelenskij, ai 6 neonazisti russi che stavano per eseguirlo, Solovjov doveva esplodere nella sua auto.  Ma oltre a Solovjov, nella lista dei personaggi da eliminare c’erano anche altri giornalisti russi di grido, come Skabeeva, Popov, il direttore di RT Simonjan e il direttore generale di “Rossja Segodnja”, Kiseljov.

Il presidente ucraino Zelenskij – come ha detto Solovjov più volte, aveva pubblicamente così minacciato: “la vostra fine sarà - nel migliore dei casi - la prigione!”

In Russia è stato pubblicato il video dell’arresto e mostrato vari materiali che erano in mano ai neonazisti, compreso armi,  simboli nazisti, sostanze stupefacenti.

Un noto giornale italiano invece di riportare fedelmente i fatti, ha capovolto la notizia, facendola passare come un’operazione della propaganda russa “che ha raggiunto il suo apice per incolpare i servizi segreti ucraini” (!!) Basandosi sul menzognero Bellingcat che cita 3 Sim card, il giornale ha la pretesa di smontare la notizia “falsa” dell’attentato a Solovjov! E come ciliegina sulla torta aggiunge che Solovjov pensa che “Zelenskij lo voleva uccidere perché voleva lavorare per la TV russa ma non aveva abbastanza talento”, cioè il giornale si attacca a una pura battuta di Solovjov per discreditarlo!  Nascondendo in tal modo il motivo vero: far fuori i giornalisti che non si allineano al potere, le voci della verità, abbiamo una fila enorme di esempi in Ucraina. Lo scopo è anche nascondere la vera tragedia dell’Ucraina, l’esser stata avvelenata dallo strisciante nazismo su cui l’Occidente ha sempre taciuto, sostenendolo. E ora nulla cambia. 

 

P.s. chiaramente nessun giornale italiano ne ha parlato ma gli arrestati hanno confessato in un video l’ordine di uccidere Solovjov

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

LA RUSSIA COSTRUIRA’ UNA RAFFINERIA A CUBA ’  di Andrea Puccio LA RUSSIA COSTRUIRA’ UNA RAFFINERIA A CUBA ’ 

LA RUSSIA COSTRUIRA’ UNA RAFFINERIA A CUBA ’ 

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute di Giuseppe Masala La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

Kamala Harris: da conservatrice a "progressista"? di Michele Blanco Kamala Harris: da conservatrice a "progressista"?

Kamala Harris: da conservatrice a "progressista"?

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti