La Turchia procede con i preparativi per l'attivazione dei sistemi di difesa aerea S-400

La Turchia procede con i preparativi per l'attivazione dei sistemi di difesa aerea S-400

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La questione è annosa e ha provocato vari grattacapi alla Turchia ma Ankara ha deciso di andare fino in fondo. Quindi la Turchia avanza nei preparativi per l'attivazione dei sistemi missilistici antiaerei S-400 di fabbricazione russa. Ad annunciarlo è un membro influente del governo turco, il ministro della Difesa Hulusi Akar. 

 

"Continuiamo a controllare e preparare i sistemi (S-400) secondo i nostri piani”, queste le parole del ministro turco riportate dall’agenzia di stampa Anadolu.

 

"Useremo gli S-400 nello stesso modo in cui alcuni membri della NATO utilizzano gli S-300", ha detto il ministro della Difesa turco.

 

La proposta della Turchia di istituire una task force tecnica con gli Stati Uniti per studiare la compatibilità degli S-400 e dei caccia di quinta generazione F-35 statunitensi rimane in vigore, ha poi aggiunto Akar.

 

Nel frattempo, l'assistente del Segretario di Stato per gli affari politico-militari degli Stati Uniti Clarke Cooper ha ribadito che gli USA potrebbero imporre sanzioni contro la Turchia per l'acquisto di sistemi missilistici terra-aria S-400 di fabbricazione russa. 

 

Affare S-400

 

La Russia ha annunciato nel settembre 2017 di aver firmato un accordo da 2,5 miliardi di dollari con la Turchia per la consegna di sistemi missilistici antiaerei S-400 ad Ankara. In base al contratto, Ankara ha ricevuto un reggimento di sistemi missilistici di difesa aerea S-400 (due battaglioni). L'accordo prevede anche il trasferimento parziale della tecnologia di produzione alla parte turca.

 

La Turchia è il primo Stato membro della NATO ad acquistare tali sistemi missilistici di difesa aerea dalla Russia. Le consegne dei lanciatori S-400 in Turchia sono iniziate il 12 luglio 2019.

 

La decisione della Turchia di acquisire i sistemi missilistici terra-aria S-400 di fabbricazione russa ha provocato una reazione nettamente negativa da parte degli Stati Uniti e della NATO nel suo insieme. Gli Stati Uniti reiterano i tentativi di costringere la Turchia ad abbandonare i sistemi di difesa aerea russi.

 

Poiché la Turchia non ha ceduto alle pressioni e ha affermato che non rinuncerà ai sistemi S-400, Washington ha escluso Ankara dal programma statunitense di sviluppo del cacciabombardiere stealth F-35 di quinta generazione.

 

Gli Stati Uniti minacciano inoltre la Turchia con sanzioni unilaterali, ma non hanno fretta di compiere questi passi per paura di un ulteriore peggioramento delle relazioni con un importante alleato della NATO, mentre Ankara ha avvertito che non lascerà l’eventuale imposizione di queste restrizioni senza risposta.

 

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva detto in precedenza che Ankara non avrebbe rinunciato agli S-400 nonostante la pressione degli Stati Uniti. Ha anche respinto le minacce di sanzioni e ha suggerito che gli Stati Uniti dovrebbero smettere di minacciare la Turchia.

 

Nel frattempo, il ministero della Difesa turco ha nuovamente suggerito ad Ankara e Washington di discutere eventuali misure tecniche per quanto riguarda gli S-400 per risolvere le contraddizioni bilaterali.

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti