La Russia svela i piani militari a Cuba, in Venezuela e America Latina

La Russia svela i piani militari a Cuba, in Venezuela e America Latina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Mentre aumentano le pressioni e le minacce alla Russia portate dai paesi occidentali utilizzando la questione ucraina, il presidente russo Vladimir Putin ha concordato con i leader di Cuba, Venezuela e Nicaragua di sviluppare partenariati in una serie di settori, tra cui l'intensificazione della collaborazione militare, come annunciato dal ministro degli Esteri di Mosca Sergey Lavrov. 

In un intervento alla Duma di Stato, Lavrov ha riferito che Putin ha parlato recentemente con i leader dei tre paesi latinoamericani e e che hanno concordato di lavorare insieme per rafforzare la loro cooperazione strategica.

"Il presidente Putin ha avuto recenti conversazioni telefoniche con i suoi colleghi di questi tre governi, con i quali siamo molto vicini, e hanno concordato di esaminare ulteriori modi per approfondire la nostra partnership strategica in tutti i settori, senza eccezioni", ha dichiarato Lavrov. 

Il diplomatico ha poi evidenziato che la Russia ha già strette relazioni con questi paesi in molte sfere, "comprese quelle militari e tecnico-militari".

Interrogato sulle prospettive di una maggiore cooperazione militare con i tre paesi, Lavrov ha risposto: “Per l'immediato futuro, contiamo su incontri regolari delle commissioni corrispondenti".

Con il crescere delle tensioni in Europa orientale era già riemerso all’inizio di questo mese il tema dello schieramento di truppe russe in America Latina. A tal proposito il vice ministro degli Esteri di Mosca Sergey Ryabkov, non aveva escluso nessuna opzione. "È lo stile nordamericano di avere diverse opzioni per la sua politica estera e militare", affermava. "Questa è la pietra angolare della potente influenza di questo paese nel mondo". 

"Il presidente della Russia ha parlato più volte sul tema di quali potrebbero essere le misure, per esempio coinvolgendo la marina russa, se le cose sono impostate sul corso di provocare la Russia, e aumentare ulteriormente la pressione militare su di noi da parte degli Stati Uniti", ha proseguito. "Noi non vogliamo questo. I diplomatici devono trovare un accordo".

Per il momento però la possibilità di stabilire basi russe in America Latina sembra esclusa. L’ex presidente e primo ministro della Russia, Dmitry Medvedev, ha affermato che discutere sullo schieramento di missili o truppe a Cuba e in Venezuela aumenta ulteriormente le tensioni.

Il dispiegamento di infrastrutture militari russe a Cuba e in Venezuela, come durante il periodo sovietico, è fuori questione, ha affermato il vicepresidente del Consiglio di sicurezza in un'intervista con i media russi.

Secondo Medvedev, entrambi questi paesi sono partner della Russia, ma allo stesso tempo, sono Stati sovrani che si sforzano di uscire dall'isolamento e, in una certa misura, ripristinare le normali relazioni con gli Stati Uniti d'America.

"Non possiamo collocare nulla, come succedeva con Cuba, semplicemente perché questo dovrebbe essere coerente con il loro posizionamento geopolitico e i loro interessi nazionali", ha sottolineato Medvedev, secondo quanto riporta RIA Novosti.

Sarebbe sbagliato parlare di questo argomento, perché aumenterebbe ulteriormente le tensioni nel mondo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano" di Francesco Santoianni Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi? di Savino Balzano Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi?

Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi?

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

L'attacco al salario e il golpe del 1992 di Pasquale Cicalese L'attacco al salario e il golpe del 1992

L'attacco al salario e il golpe del 1992

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO di Gilberto Trombetta DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO