La Russia considera l'azione britannica una violazione della Convenzione sul diritto marittimo delle Nazioni Unite

La Russia considera l'azione britannica una violazione della Convenzione sul diritto marittimo delle Nazioni Unite

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ministero della Difesa russo ha definito le azioni del cacciatorpediniere Defender nel Mar Nero come una palese violazione della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare e ha invitato il Regno Unito a indagare sulle azioni dell'equipaggio.

"Il ministero della Difesa russo considera le azioni pericolose del cacciatorpediniere della Royal Navy come una palese violazione della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare del 1982. La Difesa ha invitato la parte britannica a condurre un'indagine approfondita sull'equipaggio dell'HMS Defender per la prevenzione di incidenti simili in futuro", si legge in un comunicato diffuso da Mosca e ripreso dall’agenzia Tass.

Il ministero ha sottolineato che l'addetto alla difesa del Regno Unito è stato convocato presso la direzione principale del ministero per la cooperazione internazionale, dove è stato informato della posizione del ministero russo.

"La parte britannica è stata informata che il cacciatorpediniere HMS Defender operante nella parte nord-occidentale del Mar Nero ha violato oggi il confine nazionale russo, viaggiando a tre chilometri di profondità nelle acque territoriali vicino a Capo Fiolent".

In precedenza, il ministero della Difesa ha reso noto che la flotta russa del Mar Nero, insieme al controllo di frontiera del servizio di sicurezza federale, aveva messo fine a una violazione del confine russo da parte del cacciatorpediniere britannico HMS Defender vicino a Cape Fiolent in Crimea. Il cacciatorpediniere ha viaggiato a tre chilometri di profondità nelle acque territoriali russe.

Il cacciatorpediniere è stato avvertito dell'uso della forza ma non ha reagito. Una nave della guardia di frontiera ha sparato colpi di avvertimento, mentre un cacciabombardiere SU-24M ha dovuto sganciare bombe di avvertimento davanti al cacciatorpediniere affinché la nave tornasse indietro e lasciasse le acque russe.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti