La Russia cerca di rafforzare le sue riserve monetarie con lira turca, rupia indiana e yuan cinese

La Russia cerca di rafforzare le sue riserve monetarie con lira turca, rupia indiana e yuan cinese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Banca Centrale Russa, ieri, ha annunciato la sua intenzione di acquistare le valute di “nazioni amiche” da tenere nel suo National Wealth Fund (NWF).

Tra le valute citate ci sono la lira turca, lo yuan cinese e la rupia indiana.

"Il ministero delle Finanze russo sta lavorando alla possibilità di implementare un meccanismo operativo di regole di bilancio per il rifornimento/spesa della NWF in valute di paesi amici", ha spiegato la banca centrale in un rapporto sulla sua politica monetaria per il 2023- 2025.

La NWF è gestita dal ministero delle finanze, ma fa parte delle riserve internazionali della banca centrale, che a febbraio ammontavano a 640 miliardi di dollari. Tuttavia, metà di questo importo è stato congelato dalle sanzioni dopo l'invasione militare dell'Ucraina da parte di Mosca.

In precedenza, la Russia acquistava solo dollari USA ed euro per la NWF. Tuttavia, sulla scia delle severe sanzioni occidentali, il Cremlino si è mosso per stringere i legami economici con i suoi vicini.

Nelle ultime settimane, Mosca ha iniziato ad allontanarsi dal biglietto verde nel commercio bilaterale con diverse nazioni. L'11 agosto, i rapporti hanno rivelato che l'India ha pagato il carbone russo con il dirham degli Emirati Arabi Uniti e lo yuan cinese, tra le altre valute.

Proprio la scorsa settimana, la Turchia ha accettato di effettuare pagamenti parziali per il gas russo in rubli, mentre cinque delle sue principali banche si sono mosse per implementare il sistema di pagamento russo Mir.

L'Iran è un altro paese che sta lavorando per implementare il sistema Mir nella sua economia. Il mese scorso, la Russia ha anche annunciato che stava investendo 40 miliardi di dollari nei giacimenti di petrolio e gas dell'Iran.

Con le sanzioni occidentali che si sono ritorte contro per la maggior parte, le aziende europee hanno anche iniziato a cercare modi per continuare a fare affari con Mosca.

All'inizio di questa settimana, il capo di un gruppo industriale turco ha rivelato che "molte aziende dell'UE stanno pianificando di vendere i loro prodotti alla Russia attraverso la Turchia".

"[Le società dell'UE] vogliono usare la Turchia come magazzino e ponte, mentre la Russia vuole rifornimenti dalla Turchia", ha aggiunto l'uomo d'affari turco.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti