La Palestina condanna l'accordo di cooperazione Israele-Marocco

La Palestina condanna l'accordo di cooperazione Israele-Marocco

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I palestinesi hanno condannato fermamente un accordo che pone le basi per la cooperazione in materia di sicurezza, la condivisione dell'intelligence e la futura vendita di armi tra il regime di occupazione israeliano e il Marocco.

"L'accordo tra Marocco e Israele metterà a repentaglio la sicurezza regionale e darà al regime occupante l'opportunità di intensificare i suoi attacchi contro la nazione palestinese e di violare la sicurezza del popolo africano" , ha affermato Sami Abu Zuhri, portavoce del Movimento di resistenza (HAMAS).

Attraverso un messaggio pubblicato sul sito web dell'organizzazione, il portavoce palestinese ha chiesto alle autorità marocchine di invertire questa mossa pericolosa.

Mercoledì scorso, il ministro israeliano degli affari militari, Benny Gantz, e il suo omologo marocchino, Abdel Latif Ludiyi, hanno firmato a Rabat un accordo di cooperazione nel campo dell'intelligence, della sicurezza informatica, dell'industria militare, dell'addestramento militare e del trasferimento di tecnologia.

HAMAS ha, quindi, condannato il viaggio di Gantz in Marocco, avvertendo che "normalizzare i legami con l'occupazione è una pugnalata alle spalle del popolo palestinese che lo incoraggia ad andare avanti con crimini e violazioni contro i palestinesi".

Rabat ha normalizzato le sue relazioni bilaterali con il regime di Tel Aviv nel dicembre 2020 , dopo Emirati Arabi Uniti (EAU), Bahrain e Sudan e in cambio ha ottenuto il riconoscimento statunitense della sua "sovranità"  sul Sahara Occidentale, ex colonia spagnola in contesa da decenni con gli indipendentisti del Fronte Polisario.

I palestinesi, che si  sentono traditi  dai paesi arabi, si rammaricano che il prezzo di questo accordo debba essere pagato da loro e assicurano che la loro unica opzione di fronte all'occupazione israeliana è la resistenza.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti