La legge sugli straordinari in Ungheria è figlia dell'Europa cannibale che la UE vuole

La legge sugli straordinari in Ungheria è figlia dell'Europa cannibale che la UE vuole

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Giuseppe Masala

Vedo che gli antifascisti rosé si stracciano le vesti per la legge schiavitù fatta approvare da Orban in Ungheria. Una legge terribile che aumenta l'obbligo delle ore di straordinario che i lavoratori devono fare: da 250 a 400. Come se non bastasse la legge prevede che le aziende possano pagarle dopo tre anni da quando sono state fatte. Per i nostri eroi è la dimostrazione lampante che Orban è fascista e logicamente si invoca l'intervento della UE democraticissima e super rosé. 

Ancora non l'hanno capita che questa legge è proprio figlia dell'Europa cannibale che la UE vuole.

Dove ogni nazione è disposta a calpestare qualsiasi diritto pur di attrarre aziende sul proprio territorio a discapito dei paesi soci. Una legge virtuosissima sotto questa logica perché permette di aumentare il Pil dell'Ungheria e di abbattere conseguentemente il Santo Parametro Debito/Pil.

Ovviamente è buonissima per il mastodontico apparato produttivo dei paesi core che possono delocalizzare le produzioni fuori mercato facendola svolgere sotto schiavitù ai lavoratori dei paesi vassalli. Questa è l'Europa belli, voi non ci avete capito un razzo.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti