La Gran Bretagna dimezza i caccia F-35 e punta tutto sviluppo del caccia di sesta generazione Tempest

La Gran Bretagna dimezza i caccia F-35 e punta tutto sviluppo del caccia di sesta generazione Tempest

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Gran Bretagna pensa di acquistare solo la metà dei caccia stealth F-35 programmati e investire il denaro risparmiato per la creazione di un caccia di sesta generazione futuristico che controllerà uno sciame di droni.

 

Dunque il piano che prevede l’acquisto di ben 138 caccia potrebbe essere archiviato. ma il Regno Unito ha accettato di acquistarne 48 entro la fine del 2025 come parte di un accordo da 9,1 miliardi di sterline.



 

I jet a decollo corto e atterraggio verticale saranno schierati sui vettori di classe Queen Elizabeth della Royal Navy, riferisce il Times. 

 

I finanziamenti militari saranno invece dirottati sul programma Tempest guidato dal Regno Unito. Un caccia di sesta generazione che dovrebbe entrare in produzione entro il 2035.

 

I caccia di nuova generazione saranno "equipaggiati opzionalmente", il che significa che possono operare senza piloti umani. E i jet sono impostati per comandare uno sciame di droni senza pilota chiamati "leali gregari".

 

Alla fine i vertici della Difesa britannica potrebbero decidere di acquistare 70 esemplari di F-35. Secondo un esperto questa cifra pare verosimile perché 60 potrebbero entrare in uso mentre dieci trattenuti per fungere da backup in caso di danni o malfunzionamenti.

 

La Gran Bretagna sta già sondando i partner della Nato per rinunciare agli armamenti pesanti e concentrarsi invece sull'aviazione e sulla guerra informatica, ha riferito il Times.

 

Una fonte del governo ha detto al giornale: "Sappiamo che è necessario prendere una serie di decisioni coraggiose per proteggere adeguatamente la sicurezza britannica e riequilibrare gli interessi della difesa per far fronte alle nuove minacce che dobbiamo affrontare".

 

CI sono però voci contrarie. Una fonte senior della difesa britannica ha dichiarato: "Semplicemente non saremo visti come una nazione leader credibile della NATO se non possiamo mettere in campo capacità di combattimento ravvicinato". Ci pone dietro paesi come Francia, Germania, Polonia e Ungheria. '

 

Attualmente l'arsenale di 227 carri armati del Regno Unito ci lascia dietro l'Argentina, che ne ha 231, la Germania con 236 e l'Uganda con 239.

 

In testa alla classifica c'è la Russia, che ha 12.950, seguita dagli Stati Uniti con 6.333, Cina con 5.800 e India con 4.665.



 

Ma il generale Sir Richard Barrons, ex comandante del comando delle forze congiunte, sostiene la modernizzazione delle forze e ha detto che il futuro è "cose autonome con equipaggio/senza pilota".

 

Il principale carro armato da battaglia del paese è in servizio dal 1998 - il successore del Challenger 1 che è stato utilizzato durante la prima guerra del Golfo - ed è stato utilizzato durante l'invasione dell'Iraq nel 2003.

 

Il carro armato è stato schierato in Bosnia e Kosovo durante la missione a guida NATO nell'ex Jugoslavia alla fine degli anni '90.

 

Il carro ha un equipaggio di quattro persone, trasporta un cannone principale da 120 mm e due mitragliatrici da 7,62 mm, con una velocità massima di circa 37 mph.

 

Attualmente è in servizio con gli ussari reali della regina, gli ussari reali del re e il reggimento di carri armati reali.

 

Un portavoce del Ministero della Difesa ha dichiarato: 'Il nostro impegno nei confronti della Nato è incrollabile e il Regno Unito riconosce che come potenza militare globale la nostra più grande forza rimangono le nostre alleanze.

 

"Stiamo coinvolgendo i nostri alleati internazionali e partner industriali mentre sviluppiamo e plasmiamo il contributo della difesa alla revisione integrata".

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti