La Francia vende 30 caccia Rafale all'Egitto

La Francia vende 30 caccia Rafale all'Egitto

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Arrivano nuovi caccia Rafale in Egitto. Il Cairo ha infatti deciso di acquistare 30 jet Rafale dalla società di difesa francese Dassault Aviation, secondo quanto rende noto l’esercito della nazione nordafricana. 

L'ordine, che segue l'acquisto nel 2015 di 24 caccia Rafale, sarà finanziato attraverso un prestito di 10 anni, hanno informato i militari.

Il sito investigativo Disclose ha riferito che l'ordine è parte di un mega accordo segreto per la difesa del valore di 3,75 miliardi di euro. 

Citando documenti riservati, Disclose ha affermato che un accordo è stato concluso alla fine di aprile e che potrebbe essere siglato quando una delegazione egiziana arriverà a Parigi.

Secondo quanto riferito, l'accordo egiziano copre anche i contratti per il fornitore di missili MBDA e il fornitore di apparecchiature Safran Electronics & Defense, che valgono altri 200 milioni di euro.

I ministeri delle finanze, degli esteri e delle forze armate francesi non hanno commentato la notizia.

Questo accordo rappresenterebbe un ulteriore impulso per l'aereo da guerra prodotto da Dassault dopo che a gennaio è stato finalizzato un accordo da 2,5 miliardi di euro per la vendita di 18 Rafale alla Grecia. 

Disclose ha detto che il finanziamento per l'accordo sarebbe garantito fino all'85% dallo stato francese con BNP Paribas SA, Credit Agricole, Société Générale e CIC. Anche le banche non hanno commentato l’indiscrezione. 

Secondo lo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI), l'Egitto è il terzo importatore di armi al mondo dopo l'Arabia Saudita e l'India.

I suoi acquisti di armi sono aumentati del 136% nell'ultimo decennio e ha diversificato l'approvvigionamento oltre gli Stati Uniti, acquistando attrezzature militari da Francia, Germania e Russia. 

Il Cairo si è posizionato come un baluardo di stabilità nella regione mentre il conflitto nel suo vicino occidentale, la Libia, continua.

Il presidente Abdel-Fattah el-Sissi e l'omologo francese Emmanuel Macron godono di uno stretto rapporto costruito su interessi di sicurezza reciproci.

Alcune organizzazioni per i diritti umani hanno aspramente criticato l’accordo raggiunto tra Parigi e Il Cairo. Ma Macron sembra non curarsene: «Non condizionerò le questioni di difesa e cooperazione economica su questi disaccordi (diritti umani in Egitto)», aveva affermato in una conferenza stampa dello scorso dicembre. 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti