La Francia trascina un'Eurozona già in crisi ancora più in basso

La Francia trascina un'Eurozona già in crisi ancora più in basso

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ancora notizie negative dalla zona euro. Dopo la Germania è la volta della Francia. I dati PMI evidenziano la la posizione debole dell'economia della zona euro, che rimane solo leggermente al di sopra del livello cruciale di 50 dell’indice IHS Markit dei gestori degli acquisti dell'area dell'euro (PMI).

 

La maggior parte delle aziende intervistate ha riferito di una contrazione dell'attività. 

 

Andrew Harker, direttore associato di IHS Markit, ha dichiarato al Financial Times: “La crescita della produzione è rimasta invariata rispetto al ritmo modesto registrato a dicembre, segnalando che l'economia non è riuscita nuovamente a registrare un impulso alla crescita".

 

L'economia dell'eurozona ha rallentato negli ultimi mesi.

 

Una recente previsione della Banca Centrale Europea ha affermato che la crescita dell'anno scorso sarebbe stata dell'1,2 per cento.

 

In calo dall'1,8 percento dell'anno precedente e dal 2,4 percento nel 2017.

 

All'inizio di questo mese è stato firmato un accordo commerciale di fase uno tra Washington e Pechino.

 

Ha aumentato le speranze di un allentamento delle tensioni commerciali che hanno pesato sul settore manifatturiero dipendente dall'esportazione in Europa.

 

Tuttavia, gli Stati Uniti continuano a minacciare di imporre tariffe sui beni europei in rappresaglia per una tassa sulle società tecnologiche.

 

Queste minacce alimentano l'ansia che l'Europa potrebbe essere il prossimo fronte nella battaglia sul commercio.

 

L'indice per il settore dei servizi della zona euro è sceso a 52,2, in calo rispetto a 52,8 di dicembre.

 

Gli economisti si aspettavano che aumentasse piuttosto che diminuire.

 

Il principale economista di Oxford Economics, Nicola Nobile, ha dichiarato: “Il quadro generale della zona euro rimane di un'economia con una crescita sottostante modesta, intorno allo 0,2-0,3 per cento al trimestre all'inizio di quest'anno, in linea con i tassi di crescita osservati nella seconda metà del 2019 e un settore manifatturiero ancora fragile”. 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti