La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Mentre i pozzi della Libia sono chiusi dallo scorso febbraio, in seguito a una mobilitazione popolare, per negare che i proventi finiscano nelle casse del governo usurpatore di Dabaiba, insediato a Tripoli con la forza militare delle milizie e il sostegno della Nato.

Mentre il premier Bashagha, votato dal parlamento, si è temporaneamente stabilito a Sirte con il proprio governo, nell’impossibilità di raggiungere la capitale per l’opposizione delle milizie e delle forze NATO.

Mentre Regno Unito e Turchia negli ultimi mesi hanno quasi quotidianamente effettuato voli militari cargo verso Tripoli.

Mentre la città di Sabratha, sulla costa occidentale, è caduta sotto il controllo dell’Isis, improvvisamente ricomparso in Libia.

Mentre gli inviati internazionali tornano a chiedere elezioni, dopo essere stati responsabili dell’annullamento di quelle che si sarebbero dovute tenere lo scorso 24 dicembre, nel timore che Saif Gheddafi diventasse il nuovo presidente della Libia.

Mentre l’Europa sprofonda in un delirio militarista accompagnato da una crisi energetica e il governo Draghi ignora e anzi ostacola il processo democratico  in Libia privando l’Italia di un approvvigionamento strategico di risorse prime.

Mentre tutto questo accade, i leader delle tribù libiche sono tornati ad unirsi, lanciando il movimento “Libia, pace e amore”.

Riportiamo di seguito la dichiarazione finale dell’incontro tenuto lo scorso 18 giugno.

 

<<Ciò che il nostro amato Paese, la Libia, sta attraversando da più di dieci anni, ha dipinto un quadro esistente e tragico contaminato dal sangue dei suoi figli e dalla perdita della sua sovranità in guerre inutili, non importa quante giustificazioni e cause, che è stigmatizzato come assurdo e sospetto perché l'assassino è libico e l'assassinato è libico e perché ha prodotto la perdita di una generazione di giovani tra morti e disabili fisici o malati di mente.

Quindi è importante neutralizzare un'intera generazione fuori dal volante di produzione e sviluppo. Questa guerra, che ogni giorno approfondisce l'abisso e il divario tra i figli di un popolo e apre il campo ai fautori della secessione e della divisione, oltre a contribuire fortemente all'attuazione di piani e agende estere nel cambiare la mappa demografica del popolo libico e penetrando nella sua struttura sociale che è sempre stata e nel corso della storia è il fattore forte ed efficace nella protezione della Libia e delle sue entità come stato o regione geografica della regione. 

Questa struttura ha contribuito alla battaglia contro successive campagne coloniali contro il popolo libico. L’ingerenza straniera va a scapito della vita, del sostentamento, della stabilità, della sovranità e dell'indipendenza della Libia e del suo popolo. Oggi siamo tutti chiamati come libici, nati in questa terra e in essa cresciuti, a stare uniti contro tutta questa assurdità e questa perdita, traendo ispirazione dalle lezioni del passato lontano e vicino, ricordando la lotta dei padri e dei nonni che sacrificarono la vita per il bene della libertà, dell'indipendenza e della dignità della Libia.

Procedendo da tutte le costanti nazionali unificanti e basato sui nostri nobili valori il sistema morale derivato dal Libro di Dio e dalla Sunnah del Suo Profeta e del Suo Nobile Messaggero Maometto che dipinse un quadro creativo del mosaico del nostro tessuto sociale libico, caratterizzato dalla sua coesione e interdipendenza. E rispetta la parola di Dio Onnipotente nel nome di Dio, il Misericordioso. Dio ti chiarisce i suoi versetti affinché tu possa essere guidato. 

Ecco perché noi, riuniti al Forum di Amore e Pace in Libia, affermiamo quanto segue:

1) La Libia è uno stato civile e democratico unificato, in cui il potere viene trasferito pacificamente attraverso elezioni democratiche e tutte le parti si impegnano a rispettarne i risultati, e tutte le istituzioni si impegnano alla completa imparzialità tra tutte le parti. Criminalizza l'uso della forza per ottenere il potere.

2) Tenere le elezioni presidenziali e parlamentari senza ritardi quest'anno 2022. Affermiamo che le elezioni sono la soluzione in Libia e sono l'unico modo per unire la Libia, ripristinare la sua sovranità e respingere ogni nuova fasi di transizione e le loro estensioni che non hanno portato altro che distruzione e devastazione alla patria e al cittadino. 

3) L'Alta Commissione Elettorale è chiamata ad annunciare immediatamente le liste definitive dei candidati presidenziali e parlamentari, ricordando loro di assumersi la piena responsabilità di impedimenti e ritardi e di procedere allo svolgimento delle elezioni presidenziali e parlamentari, nel rispetto della volontà di tre milioni elettori e respingendo la nazionale Interferenze esterne nei suoi affari.

4) La Libia è un'unità unica e indivisibile e che preservare il suo suolo, l'unità e il credo del suo popolo sono linee rosse che non possono essere toccate.Respingiamo anche le interferenze straniere da parte di paesi e ambasciatori nei paesi negli affari del paese nella forma e sostanza. 

5) Rifiutare la logica delle guerre e dei combattimenti tra libici, rifiutare l'incitamento a farlo, e fare della nostra gioventù il suo carburante, rifiutare i conflitti regionali e tribali e affermare che il dialogo e la riconciliazione sono l'unico modo per costruire il nostro Stato. 

6) L’identità libica è comprensiva di tutti i libici con il loro patrimonio culturale, linguistico e sociale, e noi ci rifiutiamo di giocarci o smantellarlo e obbligare lo Stato a preservare il patrimonio storico libico, compreso il patrimonio culturale, religioso e linguistico, e a criminalizzare la manomissione. 

7) Rifiuto di utilizzare i media, le piattaforme culturali, educative e religiose per incitare alla violenza L'odio, il tradimento, l'espiazione, l'intimidazione o l'inganno che portano ad accendere il fuoco del conflitto tra città, villaggi e individui in tutte le parti della Libia sono atti criminali punibili legalmente e socialmente. 

8) L’establishment militare e di sicurezza libico è leale a Dio e quindi alla patria, e non è appannaggio delle tribù Alcune regioni e città ed essere letterali nella gerarchia militare, che è un criterio base per selezionare i leader secondo le leggi. 

9) Chiediamo fortemente allo stato libico e alle autorità interessate di mantenere l'anagrafe civile e il sistema numerico nazionale, unico garante dopo Dio dei dossier di cittadinanza libica per tutti i libici senza eccezioni.

La disobbedienza popolare e civile rifiuta tutte le nuove fasi di transizione e le loro estensioni che non hanno portato nulla se non distruzione e devastazione alla patria e al cittadino. In conclusione, chiediamo a tutto il popolo libico di radunarsi attorno a “Libia, amore e pace” e di lavorare per raggiungere questi obiettivi. 

Che Dio protegga la Libia e il suo popolo. 

Pace, misericordia e benedizioni di Dio.

 

Emesso a Tripoli sabato 18 giugno 2022 d.C.>>

Michelangelo Severgnini

Michelangelo Severgnini

Regista indipendente, esperto di Medioriente e Nord Africa, musicista. Ha vissuto per un decennio a Istanbul. Ora dalle sponde siciliane anima il progetto "Exodus" in contatto con centinaia di persone in Libia. Di prossima uscita il film "L'Urlo"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti