J-16 vs Su-30MKI: l'India teme il rapido sviluppo del caccia cinese

J-16 vs Su-30MKI: l'India teme il rapido sviluppo del caccia cinese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un pilota cinese con anni di esperienza ha recentemente affermato che il caccia J-16 di Pechino è una generazione più avanzata rispetto al caccia Su-30 russo originale da cui è derivato. E per questo il jet da combattimento è "impeccabile e molto superiore" persino al caccia Su-30. 

Il portale The Eurasian Times ha quindi effettuato una comparazione tra i due caccia.

Il caccia J-16

I rapporti più recenti indicano che il caccia multiruolo Shenyang J-16, introdotto dalla Cina nel 2014, sta guadagnando terreno con il PLA e la sua produzione è stata ora intensificata dal paese.

Mentre gli esperti militari indiani hanno sempre respinto i derivati del Flanker cinese e le loro copie, come il caccia J-11, come inferiori ai suoi Su-30MKIs, l'arrivo dei caccia J-16 ha cambiato le carte in tavola.

Armato del moderno radar AESA multimodale, il caccia J-16 è costruito per missioni aria-aria e aria-terra a differenza del J-11 o persino dell’Su-27.

L'introduzione di nuovi collegamenti dati, sistemi EW migliorati e un maggiore utilizzo di compositi di carbonio da parte dei cinesi su questo derivato dell’Su-30 gli conferisce una capacità di combattimento superiore anche all'ultimo Flanker russo, l’Su-35S.

Il J-16 è alimentato dal motore turbofan WS-10 Taihang costruito internamente, che potrebbe non essere affidabile come i motori russi AL-31F, ma generano la stessa quantità di spinta.

Il J-16 incorpora tecnologie migliorate rispetto al caccia Su-30MKI con telai aerei compositi, sistema di allarme missilistico (MAWS) e ricevitore di avvertimento radar (RWR).

Ciò, tuttavia, non fornirà al jet alcuna superiorità in termini di avionica rispetto all'indiano Su-30MKI poiché utilizza anche il radar PESA che è ugualmente buono con quasi la stessa portata di ricerca e traccia.

Ma ciò potrebbe cambiare se la Cina decidesse di decodificare i caccia Su-35 che il paese avrebbe importato dalla Russia.

Sia la Russia che la Cina fanno molto affidamento sulla famiglia di aerei da combattimento Flanker Su-27/30 e sui loro vari derivati. I paesi pilotano flotte di aerei da combattimento simili, ma la Cina sta ora recuperando rapidamente la maggior parte degli aspetti tecnici dello sviluppo di aerei da combattimento, affermano gli analisti militari.

I combattenti cinesi hanno migliorato le capacità offensive con il paese che fa progressi sia nei missili aria-aria entro il raggio visivo (WVR) che oltre il raggio visivo (BVR). Il PL-10 è dotato di un cercatore di imaging a infrarossi, che migliora la resistenza alle contromisure, che non è presente con l'R-73M russo.

Inoltre, i cinesi stanno rapidamente promuovendo la tecnologia del composito di carbonio che aiuta l'aereo a ridurre il peso e trasportare più armi e sensori. Inoltre, il nuovo "cockpit di vetro" del J-16 sostituisce i quadranti trovati nei vecchi jet russi.

Il think tank britannico Royal United Services Institute ha persino definito i J-16 "gli aerei multiruolo e d'attacco più capaci della Cina".

“In termini di prestazioni, il J-16 è superiore a tutti i tipi di aeromobili su cui ho volato. Parlando della capacità di controllo del velivolo, il J-16 è un aereo di 3.5 generazione con enormi progressi nei sistemi radar e di controllo del fuoco rispetto al velivolo precedente”, ha spiegato Wang Songxi, istruttore di volo presso l'Aeronautica Militare del Comando del Teatro del Nord dell'Esercito di Liberazione del Popolo.

Wang ha detto che durante un combattimento aereo di addestramento con l'altro jet da combattimento della generazione 3.5 della Cina, il J-10C, nel 2020, "il J-16 e il J-10C hanno dovuto definirlo un pareggio", ma ha affermato che il J-16 aveva il il sopravvento "perché ha due motori e due piloti, mentre il J-10C ha solo un motore e un pilota".

Un altro pilota citato da Global Times ha affermato che "anche il J-16 è stato migliorato per una migliore capacità stealth”, aggiungendo che il J-16 è ora coperto con "una pittura grigio argento che lo rende meno visibile ad occhio nudo e dispositivi elettromagnetici. "

"Il design aerodinamico del J-16 sottolinea la manovrabilità piuttosto che la furtività, ma il rivestimento può renderlo più difficile da rilevare", ha detto al Global Times Fu Qianshao, un esperto di aviazione militare cinese.

J-16 contro Su-30MKI

Tuttavia, ciò non significa - scrive The EurAsian Times - in modo definitivo che il caccia supererà il Su-30MKI che è alimentato da un affidabile motore AL-31F, in grado di eseguire il Thrust Vectoring.

Il Su-30MKI è anche armato con sistemi francesi avanzati e molti altri aggiornamenti che hanno portato il caccia alla pari con molti jet moderni.

Tuttavia, i cinesi lavoreranno duramente per eguagliare e persino permettere al J-16 di ottenere capacità superiori rispetto al caccia Su-30MKI indiano, che è impiegato in gran numero dall'IAF.

Pertanto, se non aggiornato alle ultime tecnologie sul mercato, il combattente russo con l'IAF potrebbe essere sopraffatto nel tempo.

Gli esperti lamentano la presenza di tecnologie del 20° secolo su Su-30MKI e l'incapacità del governo indiano di sostituire e migliorare quelle tecnologie, che se non affrontate rapidamente si riveleranno dannose per le capacità di combattimento del paese in futuro.

 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti