Italia 2021. Non è il paese degli Elkann ma dei licenziamenti e dei morti sul lavoro

Italia 2021. Non è il paese degli Elkann ma dei licenziamenti e dei morti sul lavoro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

“The Economist” giornale della Famiglia Elkann-Agnelli attraverso la Exor con sede fiscale in Olanda, alcuni giorni fa, trionfante, comunicava ai sudditi che l’Italia è il Paese dell’anno, grazie al Presidente del Consiglio Mario Draghi.

L'Italia torna ad essere rispettata? Ma da chi? da cosa? Se si intende dalla NATO e dall'Unione Europea semmai siamo complimentati per il nostro servilismo oggi messo in sicurezza proprio da Draghi.

Ci mancano solo gli elogi per bonifiche, l'impero, per l'ordine dopo gli scioperi, ritornelli che sentivamo 100 anni fa.

Ormai, i media cartacei o digitali del mainsteam raccontano, non vale solo per l'Italia, Paesi che non esistono.

Se proprio bisogna ricordarlo questo 2021 con la Presidenza di Mario Draghi bisogna menzionare lo sblocco dei licenziamenti, quelli avvenuti con messaggi Wathsapp, videochiamate ed email, le delocalizzazioni, gli aumenti delle tariffe, una sanità sempre più al disastro, e soprattutto, bisognerebbe non dimenticare i quasi 1400 morti complessivi sul lavoro.

Proprio oggi a Torino tre operai, Filippo Falotico, 20 anni, Roberto Peretto, 52 anni, e Marco Pozzetti, 54 anni, sono rimasti schiacciati da una gru in allestimento per dei lavori di ristrutturazione.

Ormai che si lavori anche di sabato non fa più scandalo, ancor meno la sicurezza dei lavoratori, ritenuta un freno, un orpello alla rinascita economica post pandemia. Continuerà ad essere così, altrimenti i fondi del Recovery non arriveranno, l'economia si ferma , dunque, si può passare anche su centinaia di cadaveri.

Ai nostri media interessa l'aspetto emotivo di queste morti, il "poveretto" che muore che fa audience, mai indagare però indagare sulle cause, anzi, una: Liberismo.

A proposito dei nostri media impegnati nella caccia a tutti i generi di "No", dai No Tav, No vax, No green pass, chissà se oltre a dipingerli come mostri e male assoluto, mostreranno questo video che mostra un atto di grande civiltà.

A Torino, questo pomeriggio mentre si svolgeva una manifestazione 'No Green Pass' i manifestanti hanno dedicato agli operai morti un minuto di silenzio.

Un atto di umanità che non dovrà essere mostrato. Altrimenti il teatrino mediatico non potrà andare avanti dopo averli dipinti come la peggiore feccia umana.

Mettere la polvere sotto il tappeto non basterà, lo sciopero generale di giovedì scorso, le lotte della logistica, contro le delocalizzazioni, contro strumenti repressivi e non sanitari come il green pass, dimostrano ai vari The Economist che esiste un paese reale che non si piegherà a Draghi novello Uomo della provvidenza di mussoliniana memoria.

 

 

Francesco Guadagni

Francesco Guadagni

 

Nato nell'anno di grazia 1979. Capolavoro e mancato. Metà osco, metà vesuviano. Marxista fumolentista. S.S.C.Napoli la mia malattia. Pochi pregi, tanti difetti.

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti