Intelligence estera russa: Occidente pronto a scaricare Zelensky

 Intelligence estera russa: Occidente pronto a scaricare Zelensky

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Servizio di intelligence estera della Russia ha ricevuto informazioni, definite come affidabili, sul fatto che alti funzionari dei Paesi occidentali stanno discutendo sempre più spesso della necessità di sostituire il presidente ucraino Vladimir Zelensky. Questo è quanto reso noto dal capo dell'agenzia, Sergey Naryshkin.

Secondo un comunicato del servizio, tra le ragioni dell'intenzione di sostituire il presidente ci sono le "promesse non mantenute di Zelensky di sconfiggere la Russia sul campo di battaglia, l'infinita maleducazione del presidente ucraino nel comunicare con i partner stranieri", nonché il livello "senza precedenti" di nepotismo e corruzione in Ucraina. "Ma la cosa più importante è la perdita di capacità di Zelensky di manovrare nel conflitto con la Russia a vantaggio di Washington e dei suoi alleati", si legge nel testo che è stato diffuso sui media russi.

Secondo Naryshkin, l'Occidente ritiene che il presidente ucraino "si sia spinto troppo in là nel creare la sua immagine di sostenitore intransigente della guerra contro la Russia fino al raggiungimento della vittoria" e, in queste condizioni, non potrà partecipare ai negoziati con Mosca per congelare temporaneamente il conflitto e "salvare il regime russofobico di Kiev".

Allo stesso tempo, osserva che tra i potenziali successori di Zelensky ci sono il comandante in capo delle Forze armate del regime di Kiev, Valeri Zaluzhny; il capo della Direzione generale dell'intelligence del Ministero della Difesa ucraino, Kiril Budanov; il capo dell'Ufficio del Presidente ucraino, Andrei Yermak; l'ex consigliere dell'Ufficio presidenziale ucraino, Alexei Arestovich; e il sindaco di Kiev, Vitali Klichko.

Naryshkin ritiene che ciascuno dei suddetti individui possa svolgere il compito di creare "un cordone sanitario" tra Russia ed Europa per i decenni a venire. "Questo scenario prevede un cessate il fuoco tra Mosca e Kiev nel momento in cui le forze armate ucraine perderanno definitivamente il loro potenziale offensivo", ha dichiarato il Servizio segreto estero russo.

Ormai non è più un segreto, le ore di Zelensky sono letteralmente contate, come del resto già avvenuto a tanti altri fantocci nelle mani di Washington. Questi personaggi vengono tenuti al potere fintanto che fanno comodo agli Stati Uniti, quando poi diventano inservibili alla causa degli interessi di Washington vengono scaricati senza troppi complimenti. 

A quanto pare, l’ultimo della lista risponde al nome di Vladimir Zelensky.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti