Instagram chiude l'account dell'agenzia palestinese Quds News Network

Instagram chiude l'account dell'agenzia palestinese Quds News Network

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ormai i colossi dei social media come META sono diventati i censori, i ministeri della Verità dei governi occidentali, stabilendo cosa deve essere letto, scritto. Pena la censura, il blocco dei contenuti e degli account.

Dal 7 ottobre, giorno dell’operazione militare di Hamas, e della susseguente reazione spropositata criminale di Israele, con l’uccisione di 15000 civili più della metà donne e bambini, la mannaia di Meta non ha risparmiato chi denuncia i crimini di Israele, che siano utenti, media, o gruppi politici, allo stesso tempo non adopera lo stesso metro per chi fomenta il genocidio contro i palestinesi con i suoi post.

L’ultimo caso segnalato da Kevin Reed sul portale World Socialist Web Site, WSWS, riguarda la chiusura da parte di Instagram dell’account in lingua inglese di Quds News Network (QNN), un’agenzia di stampa palestinese.

Sulla piattaforma X, QNN ha denunciato che Instagram "ha impedito alla rete di richiedere una revisione della sospensione", inoltre aveva "precedentemente cancellato il suo account Facebook più volte", nonostante l'adesione della rete di notizie agli standard del sito.

L’agenzia ha lamentato che “dall’inizio del conflitto a Gaza, Meta ha intensificato le sue restrizioni sui contenuti palestinesi consentendo pubblicazioni e pubblicità a sostegno dello stato di occupazione, alcune delle quali incitano esplicitamente violenza contro i palestinesi”.

Tra i giovani palestinesi, anche tra gli operatori dell’informazione, QNN ha avuto molto seguito, secondo Wikipedia “è un'agenzia di stampa che combina le notizie dell'ultima ora da parte di liberi professionisti e volontari con una rapida distribuzione di contenuti video spesso grafici". 

QNN si è conquistata autorevolezza e credibilità nella diffusione delle informazioni, su X ha raggiunto quasi 400.000 followers, svelando con foto, video in presa diretta i crimini israeliani a Gaza.

Probabilmente sono tutti indizi che rendono chiaro le motivazioni della sua chiusura.

In risposta alla censura di Meta, l’agenzia palestinese ha invitato i suoi utenti a dare 1 Stella sull’APP di Google Store nelle recensioni di Instagram, con queste motivazioni:

“Le piattaforme di social media, in particolare Instagram di Meta, hanno sistematicamente censurato e rimosso i contenuti palestinesi e tentato di mettere a tacere le voci filo-palestinesi. Meta ha sospeso e rimosso migliaia di account e post che chiedevano pari diritti per il popolo palestinese e fermavano il genocidio a Gaza”, si legge nel post

QNN ha denunciato che “Facebook e Meta hanno continuato ad approvare annunci contenenti incitamento all’odio e incitamento alla violenza e al genocidio contro i palestinesi. Meta ha preso di mira le pagine che supportano contenuti palestinesi con il pretesto di violare i suoi standard. La società ha rimosso più volte la pagina Facebook di QNN senza alcun chiarimento e continua a rimuovere contenuti sull'account Instagram di QNN."

Secondo WSWS “la chiusura degli account sui social media di QNN è parte del crescente attacco ai diritti democratici a livello internazionale che ha accompagnato l’assedio di Gaza, dove il governo israeliano sta portando avanti un deliberato massacro di massa di civili su una scala mai vista dai tempi dei regimi fascisti di Seconda guerra mondiale”.

Inoltre, il portale ricorda che queste censure partono dal pretesto che i manifestanti contro il genocidio israeliano dei palestinesi sono identificati come “antisemiti” e “sostenitori del terrorismo”, mentre “i partiti politici, i governi e i media aziendali dei paesi imperialisti stanno cercando di mettere a tacere l’opposizione di massa al massacro in corso.”

 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti