Inchiesta AP: La giornalista di Al Jazeera Abu Akleh uccisa con un’arma israeliana

Inchiesta AP: La giornalista di Al Jazeera Abu Akleh uccisa con un’arma israeliana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ormai si tratta solo di negare la verità e un crimine commesso. Lo Stato di Israele in questo è un vero specialista.

I fatti, però, hanno sempre la testa dura ed emergono da ogni insabbiamento.

Così, quasi due settimane dopo il suo omicidio, una ricostruzione del crimine dell’Associated Press  sia delle autorità palestinesi che dei colleghi del giornalista secondo le quali il proiettile che ha ucciso Abu Akleh, giornalista di al Jaazeera proveniva da un’arma israeliana.

Numerosi video e foto scattati la mattina dell'11 maggio mostravano già un convoglio israeliano parcheggiato in una strada stretta con una chiara visuale su Abu Akleh; Possibile anche vedere giornalisti e altri astanti in tempo reale in quegli spari mentre si riparano dai proiettili sparati dalla direzione del convoglio.

L'unica presenza confermata di manifestanti palestinesi era dall'altra parte del convoglio, a circa 300 metri di distanza, per lo più separata da Abu Akleh da edifici e muri.

Il regime di occupazione di Tel Aviv sostiene che almeno un palestinese era tra il convoglio ed i giornalisti, ma non ha fornito alcuna prova né individuato l'ubicazione del sospetto assassino.

L'omicidio a sangue freddo di Abu Akleh ha scatenato un'ondata di indignazione globale. La comunità internazionale denuncia che il regime israeliano, nella totale impunità, continua a commettere atrocità contro i palestinesi e mette a tacere le voci dissenzienti ricorrendo alla solita etichetta di "antisemitismo".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti