In ricordo di Desmond Tutu. Contro l'Apartheid e dalla parte palestinesi

In ricordo di Desmond Tutu. Contro l'Apartheid e dalla parte palestinesi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi, all'età di 90 anni, è scomparso l'arcivescovo sudafricano Desmond Tutu. Da tutti i media è ricordato come simbolo di resistenza contro l'Apartheid in Sudafrica. Ma si omette un spetto della sua vita di Resistenza. Tutu, al quale nel 1984 fu conferito il Premio Nobel per la Pace, si è schierato con tutti gli oppressi, in particolare, dalla parte del popolo palestinese in lotta contro Israele. Vogliamo ricordarlo con un articolo scritto pr il quotidiano inglese di the Guardian, quasi un anno fa, il 30 dicembre del 2020, intitolato "Joe Biden should end the US pretence over Israel’s ‘secret’ nuclear weapons", dove denunciava come ogni amministrazione USA fosse benevole con ISraele e le sue armi nucleari che potevano uccidere milioni di persone. Scrisse l'arcivescovo: "ogni recente amministrazione statunitense ha eseguito un rituale perverso quando è entrata in carica. Tutti hanno accettato di minare la legge degli Stati Uniti firmando lettere segrete che stabiliscono che non riconosceranno qualcosa che tutti sanno: che Israele ha un arsenale di armi nucleari." Aggiunge che "parte della ragione di ciò è impedire alle persone di concentrarsi sulla capacità di Israele di ridurre in polvere dozzine di città. L'arcivescovo ha denunciato, inoltre, il regime dell'apartheid che vivono i palestinese causato da Israele".

Vi lasciamo alla lettura del suo articolo nella certezza che l'esempio di Desmond Tutu non arà cancellato con la sua morte.

di Desmond Tutu

Questo fallimento nell'affrontare la minaccia rappresentata dall'orribile arsenale di Israele dà al suo primo ministro, Benjamin Netanyahu, un senso di potere e impunità, consentendo a Israele di dettare i termini ad altri.

Ma un altro effetto dell'approccio dello struzzo dell'amministrazione statunitense è che evita di invocare le leggi degli Stati Uniti, che chiedono la fine della generosità dei contribuenti per i proliferatori di armi nucleari.

Israele infatti è un produttore di armi nucleari multiple. Ci sono prove schiaccianti che abbia offerto di vendere armi nucleari al regime dell'apartheid in Sud Africa negli anni '70 e abbia persino condotto un test nucleare congiunto.

Il governo degli Stati Uniti ha cercato di nascondere questi fatti. Inoltre, non ha mai firmato il trattato di non proliferazione nucleare.

Eppure i governi degli Stati Uniti e di Israele hanno spinto per l'invasione dell'Iraq sulla base di bugie sull'arrivo di nuvole di funghi. Come ha detto l'informatore nucleare israeliano Mordechai Vanunu : le armi nucleari non erano in Iraq, sono in Israele.

Gli emendamenti degli ex senatori Stuart Symington e John Glenn al Foreign Assistance Act vietano l'assistenza economica e militare degli Stati Uniti ai proliferatori nucleari e ai paesi che acquisiscono armi nucleari. Mentre era presidente, Jimmy Carter ha invocato tali disposizioni contro India e Pakistan. Ma nessun presidente lo ha fatto nei confronti di Israele. Al contrario. C'è stato un accordo orale da quando il presidente Richard Nixon ha accettato l '"ambiguità nucleare" di Israele - in modo efficace per consentire a Israele il potere che viene fornito con le armi nucleari senza responsabilità. E da quando il presidente Bill Clinton, secondo la rivista New Yorker , ci sono state queste lettere segrete. I presidenti e i politici degli Stati Uniti si sono rifiutati di ammetterlo che Israele ha armi nucleari anche se la legge offre un'esenzione che consentirebbe di continuare a finanziare se il presidente certificasse al Congresso che l'aiuto a un proliferatore sarebbe un interesse vitale degli Stati Uniti.

Il prodotto interno lordo pro capite di Israele è paragonabile a quello della Gran Bretagna. 

Tuttavia, i fondi dei contribuenti statunitensi in Israele superano quelli di qualsiasi altro paese. Adeguato all'inflazione, l'importo pubblicamente noto nel corso degli anni si avvicina ora a $ 300 miliardi . Questa farsa dovrebbe finire. Il governo degli Stati Uniti dovrebbe sostenere le sue leggi e tagliare i finanziamenti a Israele a causa della sua acquisizione e proliferazione di armi nucleari.

La futura amministrazione Biden dovrebbe riconoscere apertamente Israele come uno dei principali sponsor statali della proliferazione nucleare in Medio Oriente e attuare adeguatamente la legge statunitense. 

Altri governi, in particolare quello del Sud Africa, dovrebbero insistere sullo stato di diritto e su un disarmo significativo e sollecitare immediatamente il governo degli Stati Uniti ad agire con la massima forza possibile.

L'apartheid è stato orribile in Sud Africa ed è orribile quando Israele pratica la propria forma di apartheid contro i palestinesi, con posti di blocco e un sistema di politiche oppressive. In effetti, un altro statuto degli Stati Uniti, la legge Leahy, proibisce gli aiuti militari statunitensi ai governi che violano sistematicamente i diritti umani.

È del tutto possibile che uno dei motivi per cui la versione israeliana dell'apartheid sia sopravvissuta a quella del Sudafrica sia che Israele sia riuscito a mantenere il suo sistema oppressivo usando non solo le pistole dei soldati, ma anche tenendo questa pistola nucleare puntata sulla testa di milioni di persone. 

La soluzione per questo non è che i palestinesi e altri arabi cerchino di ottenere tali armi. La soluzione è pace, giustizia e disarmo. Il Sudafrica ha imparato che poteva avere vera pace e giustizia solo se avesse la verità che avrebbe portato alla riconciliazione. Ma nessuno di questi arriverà a meno che la verità non venga affrontata direttamente - e ci sono poche verità più critiche da affrontare di un arsenale di armi nucleari nelle mani di un governo dell'apartheid.

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Vertice Blinken-Lavrov: gli Usa "gonfiano i muscoli" ma... di Marinella Mondaini Vertice Blinken-Lavrov: gli Usa "gonfiano i muscoli" ma...

Vertice Blinken-Lavrov: gli Usa "gonfiano i muscoli" ma...

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO di Savino Balzano CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti