Il vicecancelliere tedesco (Verdi) definisce il Nord Stream 2 un errore geopolitico

Il vicecancelliere tedesco (Verdi) definisce il Nord Stream 2 un errore geopolitico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La decisione di costruire il gasdotto Nord Stream 2 è un errore geopolitico. Lo ha affermato il ministro dell'Economia tedesco, il vicecancelliere Robert Habek (Verdi), rilevando che tutti i Paesi europei, ad eccezione di Germania e Austria, "sono sempre stati contrari" a questo progetto. 

“Geopoliticamente, Nord Stream 2 è stato un errore... Ora il gasdotto è stato costruito. La questione è aperta. Questo problema deve essere risolto sulla base del diritto europeo e nazionale", ha affermato il politico in un'intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung.

Habek ha osservato che il regolatore tedesco Federal Network Agency "prenderà una decisione sulla base della legge", ma inoltre, secondo la sua visione, c'è una domanda da porsi su cosa accadrà se Mosca "violerà nuovamente l'integrità territoriale dell'Ucraina e dovesse verificarsi un’escalation”. 

Le dichiarazioni del leader ‘ambientalista’ tedesco, che guida il partito dei Verdi insieme al ministro degli Esteri Annalena Baerbock, arrivano il giorno seguente alle parole del cancelliere Olaf Scholz, il quale aveva affermato che la certificazione del gasdotto Nord Stream 2 non era legata a questioni politiche, definendo il progetto del gasdotto di tipo commerciale. A tal proposito Scholz evidenziava che in questo progetto ci sono stati anche investimenti privati. 

Insomma, i Verdi tedeschi si confermano come fortemente ancorati a posizioni ideologiche pro-occidentali e decisamente antirusse. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra