Il piano di Israele per impedire la visita di Francesca Albanese (Onu) nei territori occupati

Il piano di Israele per impedire la visita di Francesca Albanese (Onu) nei territori occupati

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Israele non si fa mai mancare l’occasione per mostrare la sua arroganza, frutto dell’impunità che gode tra la comunità internazionale, intesa come paesi occidentali.

Questa volta come ha rivelato il sito di notizie israeliano Yedioth Ahronot, Tel Aviv ha elaborato un piano per impedire l'ingresso della rappresentante del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC), Francesca Albanese, per il suo esplicito sostegno al diritto all'esistenza della Palestina.

Albanese, un avvocato italiano, nominata "Relatore speciale sulla situazione dei diritti umani nei Territori palestinesi occupati dal 1967", ha il compito di riferire sugli abusi israeliani nella Gerusalemme occupata, nella Cisgiordania e a Gaza.

Prima della sua prevista visita nella Palestina occupata a dicembre, Albanese è stata informata dei ritardi nel processo di rilascio del visto, sollevando preoccupazioni sulla possibilità che Israele le bloccasse l'ingresso.

In un tweet del 29 novembre, ha affermato che i funzionari israeliani hanno promesso di facilitare il suo ingresso in Cisgiordania e Gerusalemme. Tuttavia, giorni dopo, Albanese li ha accusati di "manipolazione", poiché avevano fatto marcia indietro rispetto alla loro dichiarazione.

 

Secondo i media israeliani, Albanese sarebbe "colpevole" di aver fatto diverse "osservazioni anti-israeliane", tra cui diverse "rivolte a funzionari di Hamas e della Jihad islamica [palestinese] che hanno partecipato a una conferenza a Gaza la scorsa settimana".

Il discorso di Albanese alla conferenza è stato trasmesso in diretta sui media arabi locali, mentre ribadiva a un pubblico di soldati della resistenza del loro "diritto di resistere a questa occupazione".

Inoltre, ha accennato al suo rifiuto della proposta dei due stati come soluzione adeguata a porre fine al conflitto israelo-palestinese.

“La Cisgiordania, Gerusalemme Est e Gaza sono ciò che resta della Palestina storica. Questa affermazione non è nuova, ma aiuterà la comunità internazionale a sentirsi a disagio con la soluzione dei due Stati", ha ricordato Albanese.

 

All'inizio di aprile, Israele ha inviato ufficialmente una lettera di protesta all'UNHRC, prendendo di mira la nomina di Albanese e accusandola di non essere adatta alla posizione.

Lo ha ribadito il consulente legale della missione israeliana presso le Nazioni Unite, Merav Marks, che si è schierato contro di lei e l'ha accusata di “covare pregiudizi significativi contro lo Stato ebraico”.

“Israele condanna con la massima fermezza la nomina di Albanese. Questo è già un mandato unilaterale dedicato a delegittimare e demonizzare Israele", aveva denunciato Marks all'epoca.

Israele ha a lungo preso di mira funzionari delle Nazioni Unite e gruppi per i diritti umani per i loro rapporti sulle violazioni dei diritti umani nei territori occupati e ha chiuso innumerevoli ONG finanziate dall'UE e dagli Stati Uniti che sostenevano i rifugiati.

Il 7 maggio 2018, Israele ha revocato il permesso al direttore di Human Rights Watch (HRW) nato negli Stati Uniti in Israele e Palestina, Omar Shakir, e lo ha costretto ad andarsene entro due settimane.

"Non si tratta di Shakir, ma piuttosto di mettere la museruola a Human Rights Watch e chiudere le critiche alla situazione dei diritti di Israele", aveva lamentato Iain Levine, vicedirettore esecutivo di HRW.

Nell'ottobre 2021, Israele aveva designato una mezza dozzina di ONG palestinesi locali finanziate dall'Occidente come organizzazioni terroristiche, tagliando il sistema di sostegno di migliaia di rifugiati impoveriti della Cisgiordania.

In particolare, il 14 novembre, è stato rivelato che le ONG israeliane di sorveglianza presso le Nazioni Unite hanno preso di mira il sostentamento di dozzine di dipendenti dell'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e il lavoro (UNRWA) per "il crimine di sostenere la causa palestinese".

In tutto questo, c’è da registrare il silenzio del governo italiano nella vicenda. Sono lontani i tempi della bistrattata, a volta anche a ragione, Prima Repubblica, quando i governi a guida democristiana esprimevano una posizione quantomeno non ostile ai palestinesi guadagnandosi rispetto e stima.

Negli ultimi 30 anni i governi di centrodestra così come quelli di centrosinistra hanno dimostrato il loro servilismo a Israele per obbedire ai dettami di Washington.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo di Michelangelo Severgnini 8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo

8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente