Il Pentagono annuncia un nuovo pacchetto di aiuti militari al regime di Kiev del valore di 2,5 miliardi di dollari

Il Pentagono annuncia un nuovo pacchetto di aiuti militari al regime di Kiev del valore di 2,5 miliardi di dollari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Gli Stati Uniti stanno preparando un nuovo pacchetto di assistenza militare all'Ucraina, che soddisferà le attuali esigenze di Kiev. Aveva affermato Sabrina Singh, vice portavoce del Pentagono. "Dovremmo aspettarci presto un altro pacchetto di aiuti militari", questo era quanto dichiarato in una conferenza stampa trasmessa su YouTube. 

Il pacchetto di aiuti si è poi concretizzato con il memorandum firmato dal presidente USA Joe Biden. 

Il Pentagono ha riferito che il pacchetto di aiuti includerà 59 veicoli da combattimento per la fanteria (IFV) Bradley con 590 missili anticarro TOW e 295.000 munizioni da 25 mm.

Inoltre, gli Stati Uniti forniranno al regime di Kiev 90 Stryker Armored Personnel Carriers (APC) con 20 rulli posamine, otto sistemi di difesa aerea Avenger, munizioni aggiuntive per i National Advanced Surface-to-Air Missile Systems (NASAMS) e High Mobility Artillery Rocket Systems (HIMARS), nonché missili antiradar ad alta velocità (HARMs).

Le truppe di Kiev riceveranno poi 53 MRAP (Mine Resistant Ambush Protected Vehicles), 350 HMMWV (High Mobility Multipurpose Wheeled Vehicles), 20.000 proiettili di artiglieria da 155 mm e 95.000 proiettili di artiglieria da 105 mm, circa 600 proiettili di artiglieria da 155 mm a guida di precisione e circa 11.800 proiettili di mortaio da 120 mm.

L'aiuto statunitense comprenderà anche mine antiuomo Claymore, oltre 3.000.000 di proiettili per armi leggere, circa 2.000 razzi anti-armatura e altri tipi di equipaggiamento militare e munizioni.

In totale, gli Stati Uniti hanno impegnato più di 26,7 miliardi di dollari in assistenza militare all'Ucraina dall'inizio dell'operazione militare speciale della Russia per smilitarizzare e denazificare il regime di Kiev. 

Secondo Bloomberg, l'annuncio è stato fatto alla vigilia della riunione dei ministri della difesa NATO sull'Ucraina presso la base aerea di Ramstein in Germania. Un certo numero di paesi occidentali ha offerto nuovi lotti di armi prima dell'incontro. Il Regno Unito, ad esempio, ha dichiarato che fornirà altri 600 missili terrestri o aerei Brimstone, mentre la Danimarca invierà obici di fabbricazione francese.
 
Allo stesso tempo, gli Stati Uniti e alcuni paesi europei stanno cercando di superare la riluttanza della Germania a fornire carri armati Leopard all'Ucraina. Queste differenze minacciano di minare l'unità che gli alleati vogliono dimostrare alla riunione del Defence Contact Group a Ramstein, un organismo creato dagli Stati Uniti per coordinare l'assistenza militare all'Ucraina.
 
Non si prevede che gli Stati Uniti forniscano il loro carro armato M1 Abrams, a causa degli elevati requisiti di carburante e manutenzione. La Germania si è opposta a fornire carri armati Leopard - o a permettere ad altri Paesi di inviarli - finché gli Stati Uniti non avranno accettato di inviare carri armati Abrams.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti