Il nuovo caccia russo Su-75 riceverà un moderno sistema di comunicazione dell'Su-57

Il nuovo caccia russo Su-75 riceverà un moderno sistema di comunicazione dell'Su-57

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

L'aereo russo tattico leggero monomotore (LTS) Su-75 Checkmate riceverà il sistema di comunicazione utilizzato sul caccia Su-57 di quinta generazione. Questo è quanto comunicato dalla holding statale Roseelectronics, riferisce TASS .

“Il sistema di comunicazione dell’Su-57 dovrebbe essere installato sul promettente caccia Checkmate. Allo stesso tempo, grazie a una serie di soluzioni tecniche, si otterrà una riduzione del costo delle apparecchiature mantenendo l'elevata efficienza del sistema di comunicazione", ha affermato la società russa.

A luglio, Ruselectronics ha riferito che i test di un sistema di comunicazione modernizzato per il caccia Su-57 sarebbero iniziati in autunno. L'attrezzatura sarà testata come parte del velivolo.

Il mese precedente, Alexei Bulatov ha osservato che il caccia Su-57 consente l'installazione di nuove apparecchiature con modifiche minime.

Nello stesso mese, si è saputo che il caccia leggero Su-75 Checkmate di quinta generazione avrebbe effettuato il suo primo volo nel 2025.  

Dettagli del progetto

Il nuovo caccia a reazione monomotore Sukhoi può trasportare fino a cinque missili aria-aria di varia gittata, secondo la presentazione di Rostec.

La macchina è in grado di trasportare l'intero spettro di missili e bombe di quinta generazione. Durante la presentazione, l'aereo è stato accompagnato da finti missili RVV-MD, RVV-SD e H-59MK.

Può operare in un sistema di combattimento in rete e agire come parte di un gruppo di velivoli con e senza equipaggio, afferma il capo progettista di Checkmate, Mikhail Strelets, in un'intervista rilasciata a Tass. 

"Entrambe le versioni con e senza equipaggio del Checkmate possono operare in un sistema di combattimento in rete, il che significa agire come parte di un gruppo di velivoli con e senza equipaggio", ha affermato Strelets.

L'aereo può trasportare tutte le armi del caccia SU-57, ha dichiarato il CEO della United Aircraft Corporation Yuri Slyusar durante la presentazione alla fiera MAKS-2021.

Secondo Slyusar, il nuovo aereo è stato progettato prendendo come base di partenza il caccia stealth Su-57 della Sukhoi. 

"Questo lavoro di base è stato sostanzialmente sufficiente per sviluppare una versione a motore singolo", ha affermato Slyusar.

"Il suo rapporto spinta-peso è davvero unico nella sua classe. Il vano per le armi interno è il più grande tra questo tipo di aerei, che rende possibile schierare l'intero spettro di armi progettate per l’SU-57. 

Un certo numero di armi aria-aria e aria-superficie sono state sviluppate appositamente per il caccia SU-57. L'aereo può trasportare armi nella baia interna, così come sugli hardpoint.

Il caccia Checkmate sarà in grado di attaccare fino a sei bersagli contemporaneamente, ha detto Strelets a TASS.

"L'avionica dell'aereo con il radar AESA integrato può attaccare sei e tracciare 30 bersagli aerei. Se parliamo di bersagli terrestri e navali, l'aereo può tracciare due bersagli contemporaneamente", ha affermato.

Il nuovo supporto logistico automatizzato Matreshka è stato sviluppato per il caccia monomotore Checkmate, ha affermato il capo progettista di Checkmate.

"L'aereo tattico leggero Checkmate è davvero facile da mantenere. Lo speciale sistema di supporto logistico automatizzato Matreshka è stato sviluppato per questo caccia. Utilizzando i più recenti metodi di analisi predittiva, il sistema seguirà le condizioni dell'aereo in tempo reale per tutto il suo ciclo di vita”, ha affermato Strelets. 

Secondo il capo progettista, ciò consentirà di pianificare la manutenzione e le riparazioni e ridurrà significativamente i costi e aumenterà l'efficienza delle operazioni di manutenzione.

"Ancora oggi, la cabina di pilotaggio include il supporto intellettuale dell'equipaggio, che fornisce suggerimenti al pilota per le azioni più efficienti durante un combattimento, anche in situazioni difficili".

"Il Checkmate è dotato di intelligenza artificiale che funge da copilota. Diagnosticherà tutti i sistemi dell'aereo e assisterà il pilota in una situazione di combattimento in rapida evoluzione. Il pilota si concentrerà sull'emissione di comandi e la macchina eseguirà automaticamente tutte le operazioni”, ha detto Strelets.

La cabina di pilotaggio, ha rivelato inoltre il capo progettista, è dotata di display con sensori panoramici unici che mostrano lo stato di tutti i sistemi e forniscono informazioni eccessive sulla rotta, gli obiettivi e le minacce.


Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti